rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Covid-19, “La Solidarietà” di Fisciano in prima linea contro l’emergenza sanitaria

Il presidente Sessa: " Per metterci definitivamente alle spalle quest’incubo bisogna ancora prestare la massima attenzione. Le raccomandazioni, quindi, sono sempre le stesse"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

La campagna di vaccinazione, condotta in maniera scrupolosa da parte del nostro Paese (risultato forse il migliore a livello mondiale per l’elevato numero di somministrazioni di siero anti-Covid) aveva fatto ben sperare nella possibilità di un quasi definitivo superamento dell’emergenza sanitaria, che va avanti ormai da più di un anno e mezzo. Nonostante tutto, il virus ha di nuovo rialzato la testa, facendo temere l’espandersi di una quarta ondata, che in molti Paesi dell’Est Europa e del mondo stanno già affrontando, con situazioni emergenziali che hanno fatto registrare disagi in diverse realtà, soprattutto dal punto di vista dell’emergenza sanitaria. 

Rapportando questi dati su scala minore, nella Valle dell’Irno, in particolare nel Comune di Fisciano, l’Associazione di Volontariato “La Solidarietà”, con l’impegno dei propri volontari sta continuando a mantenere alta la guardia, intervenendo, laddove necessario, con uomini e mezzi, che mettono la propria professionalità al servizio della collettività bisognosa. Senza dimentica, che il sodalizio con sede a Lancusi è ancora sede USCA (Unità Speciale di Continuità Assistenziale), dove medici e personale specializzato esegue, quotidianamente, tamponi antigenici e molecolari a coloro che ne fanno richiesta per motivi di salute o di lavoro. 

“Purtroppo – ha riferito il Presidente de “La Solidarietà” Alfonso Sessa – l’emergenza sanitaria non è ancora del tutto superata. Per metterci definitivamente alle spalle quest’incubo bisogna ancora prestare la massima attenzione. Le raccomandazioni, quindi, sono sempre le stesse. Igienizzarsi bene le mani, indossare la mascherina all’aperto e soprattutto in luoghi chiusi ed evitare assembramenti”. Tra l’altro, i competenti uffici Governativi stanno predisponendo le modalità di somministrazione delle terze dosi di vaccino e il richiamo per coloro che hanno fatto il monodose J & J. Un’azione preventiva necessaria per evitare che possano verificarsi spiacevoli situazioni come quelle vissute nel recente passato. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19, “La Solidarietà” di Fisciano in prima linea contro l’emergenza sanitaria

SalernoToday è in caricamento