menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola in presenza e piano vaccinale sulle Isole: De Luca detta le nuove linee in 2 altre ordinanze

In merito alle scuole superiori, si invitano i dirigenti ad adottare forme flessibili nella organizzazione dell’attività didattica, per la riduzione dell’attività in presenza nella misura necessaria ad assicurare il rispetto del distanziamento minimo richiesto dalle vigenti misure di sicurezza

Pronte due nuove ordinanze a firma del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, con altre misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, riguardanti la scuola e il piano vaccinale.

I punti salienti

In particolare, circa l'attività didattica in presenza nelle scuole secondarie di secondo grado, il Governatore invita i dirigenti alla puntuale applicazione delle linee guida approvate con DM del 26 giugno 2020, come integrate dalle Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da Sars-Cov-2 in tema di varianti e vaccinazione anti-Covid-19. Dunque, qualora il rispetto della soglia minima di attività in presenza stabilita, per le scuole secondarie superiori (70% della popolazione studentesca) risultasse incompatibile con l’applicazione delle Linee guida approvate il 26 giugno dello scorso anno, servirà adottare forme flessibili nella organizzazione dell’attività didattica, per la riduzione dell’attività in presenza nella misura necessaria ad assicurare il rispetto del distanziamento minimo richiesto dalle vigenti misure di sicurezza. E, in ogni caso, assicurando almeno il 50% delle presenze. Inoltre, la Regione sollecita la Direzione Generale Mobilità di monitorare l’attuazione del Piano dei trasporti scolastici definiti con le singole Prefetture in vista della ripresa delle attività didattiche in presenza e di disporre l’attivazione di ulteriori servizi aggiuntivi, se necessario ad assicurare condizioni di sicurezza per gli utenti.

Leggi >>> L'ordinanza sulle scuole 

Isole

Fatti salvi ulteriori provvedimenti in conseguenza dell’evoluzione del contesto epidemiologico, con riferimento all’intero territorio della regione Campania, l'Asl Napoli 1 e Napoli 2 dovranno organizzare, presso i centri vaccinali delle isole di Capri, Ischia e Procida, ad avvenuto completamento delle vaccinazioni delle fasce “fragili” della popolazione, il calendario delle altre vaccinazioni includendovi, secondo un ordine decrescente per fasce di età e previa somministrazione ad almeno il 90% degli aderenti per ciascuna fascia, i cittadini aventi stabile residenza, domicilio o dimora sui territori isolani. Alle strutture sanitarie spetta anche organizzare, ad avvenuta somministrazione ad almeno il 90% delle adesioni pervenute), la vaccinazione dei cittadini stabilmente impegnati in attività lavorativa sui territori isolani. "Tutte le Aziende sanitarie della Campania sono autorizzate a realizzare nei territori di competenza, nell’ambito delle categorie/fasce di età attive secondo il Piano vaccinale vigente, sedute/giornate vaccinali ad accesso libero, al fine di offrire la maggiore offerta possibile di somministrazione di vaccino ai soggetti aventi diritto, con obbligo di assicurare la contestuale registrazione dei relativi dati di adesione e avvenuta vaccinazione sulla piattaforma regionale Sinfonia", si legge infine nella nota stampa di Palazzo Santa Lucia.

Da leggere >>>> L'ordinanza per le isole 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento