Covid al Ruggi: chiusa mezza torre cardiologica, sanificazione in corso

Saranno assistiti solo i pazienti provenienti dal pronto soccorso del presidio ospedaliero e saranno off limits le aree in cui si presta normalmente soccorso ai pazienti provenienti da altri ospedali

Dopo l'ondata di contagi al "Ruggi", è in corso in ospedale la sanificazione dei reparti ed è stata chiusa mezza torre cardiologica. E' vietato vietato anche l’accesso alla rete dell’infarto e delle urgenze cardiologiche. Ciò signigica che l'Utic, cioè l’Unità di terapia intensiva cardiologica, potrà accogliere al momento solo i pazienti inviati dal pronto soccorso, non quelli provenienti da altri ospedali. In ragione della chiusura alternata - reparto di cardiologia ospedaliero e universitario - i pazienti provenienti da altri ospedali dovranno essere trasportati in altri presidi. Sarà possibile garamtire solo l'emergenza e l'intervento di urgenza.

I contagi

Nelle ultime ore erano risultati positivi al tampone un sanitario e cinque pazienti del reparto di Cardiologia dell’azienda ospedaliera universitaria Ruggi d’Aragona di Salerno, che seguono quelli registrati una decina di giorni fa nelle due divisioni di “Medicina”. Ancora contagi all'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore: si tratta di un infermiere e di un operatore socio sanitario che lavorano  nei reparti di Ginecologia e Nefrologia. Per tutti i contagiati sono scattati i protocolli di rito volti a prevenire la diffusione del virus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento