Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

"Sono la congiunta di un positivo Covid: l'Usca mi ha dimenticata", lo sfogo di una lettrice

La signora autorizza Salerno Today a pubblicare le proprie generalità, le iniziali. Si chiama F.D.B. e attende con ansia che possa essere convocata per effettuare il tampone di controllo

"Mi chiamo F.D.B. e sono una congiunta non considerata di un paziente Covid. Scrivo perché penso sia giusto segnalare l'organizzazione inesistente dell'Usca. Si è dimenticata di me". Comincia così la denuncia-sfogo di una nostra lettrice, che ci ha autorizzato a pubblicare il proprio appello divulgando le proprie generalità (le iniziali di nome e cognome).

La storia

"Sono in quarantena con mia mamma e mio padre: quarantena obbligatoria dal 2 marzo, a seguito della positività di mia mamma.
In questi giorni ci hanno contattato da un numero privato alcuni dottori per accordare il tampone domiciliare. Come d'intesa, avremmo dovuto effettuarlo il 16 marzo. Non è accaduto: nessuno si è presentato, né qualcuno ci ha avvisato". Poi una serie di domande: "Non so a chi chiamare, perché non esiste un numero di una persona fisica a cui chiedere informazioni. Ho contattato vari centralini che mi hanno detto non possiamo aiutarvi e sperate solo che non si siano dimenticati. Il punto è questo: essere dimenticati e ignorati da chi dovrebbe invece assisterci e curare. Non oso immaginare la quantità di lavoro che ogni giorno sono costretti ad affrontare ma chiedo semplicemente di essere considerata, qualcuno possa almeno avvertire. Poi ci sono i danni che questa situazione comporta. Se fossimo stati negativi ieri, voi che non vi siete presentati mi costringete a stare a casa? Avete mai sentito parlare di violazione della libertà personale? Chi mi paga i giorni che sono a casa perché per colpa vostra non posso  lavorare? Esiste anche qui il diritto al lavoro. Concludo dicendo che voi dottori avete la mia stima perché è sicuramente una situazione difficile, e voi ogni giorno lavorare duramente, ma vi chiedo di mettervi anche nei nostri panni. Oltre il danno, anche la beffa. Non solo siamo isolati dal mondo esterno ma siamo anche dimenticati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono la congiunta di un positivo Covid: l'Usca mi ha dimenticata", lo sfogo di una lettrice

SalernoToday è in caricamento