Crac Amato, al via il processo: respinte le richieste della difesa

L'unica eccezione preliminare accolta, è stata quella di Menna, amministratore della Garofalo, accusato di abusiva concessione di credito

Dopo il rinvio della scorsa udienza, inizia il processo Amato. Respinte, quasi tutte le eccezioni preliminari richieste dalla difesa: solo quella per Massimo Menna, amministratore della Garofalo, accusato di abusiva concessione di credito agli Amato, è andata a buon fine. Nei suoi confronti, infatti, non sarà parte civile la curatela fallimentare.

Dei ventisette a processo, inoltre, solo tre erano in aula ieri: il dipendente Alfio Barbato, il liquidatore Ignazio Amato e il consigliere provinciale Antonio Anastasio. Non si è visto neppure Paolo Del Mese, tornato ai domiciliari, che è, intanto, protagonista di un nuovo filone di indagine che lo vede indagato con Giuseppe Mussari, ex-presidente del Monte dei Paschi di Siena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

Torna su
SalernoToday è in caricamento