rotate-mobile
Cronaca

Crescent, la figlia di Calvino contro De Luca: "Leggiti la speculazione edilizia"

Giovanna Calvino invita il sindaco Vincenzo De Luca a non usare impropriamente le frasi del padre per giustificare il grande progetto urbanistico del Crescent

Mentre è in corso a Palazzo di Città il convegno sulla trasformazione urbana “Italia viva”, che vede tra gli ospiti d'eccezione il critico Vittorio Sgarbi e l'architetto Ricardo Bofill, la figlia di Italo Calvino, Giovanna Calvino, boccia il progetto del Crescent voluto e sostenuto con forza dal sindaco di Salerno Vincenzo De Luca. E lo fa scrivendo una lettera indirizzata proprio all'amministrazione progressista salernitana dopo che sul “manifesto” del convegno di oggi è apparsa una citazione di suo padre: "Su una città che non volle cambiare e perciò decadde e venne dimenticata".

Ecco il testo integrale della missiva di Giovanna Calvino: "Scrivo in riferimento a un convegno da voi organizzato in difesa della costruzione abusiva di un mastodontico edificio in riva al mare a Salerno. Sul manifesto del convegno citate impropriamente una frase di Italo Calvino, per giustificare la vostra operazione. Vi suggerisco una citazione alternativa, che riflette la vera opinione di mio padre sull'argomento, e che sembra applicarsi quasi perfettamente al vostro caso: “tutti questi nuovi fabbricati che tiravano su, casamenti cittadini di sei otto piani, a biancheggiare massicci come barriere di rincalzo al franante digradare della costa, affacciando più finestre e balconi che potevano verso il mare. La febbre del cemento s'era impadronita della Costiera”. È tratta da una novella intitolata "La speculazione edilizia" (1957), di cui vi consiglio la lettura".

  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crescent, la figlia di Calvino contro De Luca: "Leggiti la speculazione edilizia"

SalernoToday è in caricamento