Crisi idrica, da stasera meno acqua anche in zona occidentale

Lo annuncia Salerno Sistemi, riduzione della portata d'acqua dalle ore 22 alle 6, manovre previste a Fratte e via Carmine, si prosegue con l'acqua razionata anche nella zona orientale

crisi idrica

"Da stasera, mercoledì 30 agosto, la riduzione della portata d'acqua riguarderà anche la zona occidentale, dalle ore 22 alle 6. Si comincia da Fratte e da via Carmine". Lo annuncia Vincenzo Luciano, amministratore unico di Salerno Sistemi. Da quasi un mese, attanagliata dalla crisi idrica, Salerno (la zona orientale) fa i conti con l'acqua razionata nelle ore serali. "E' d'obbligo, adesso, intervenire anche in alcune zone del centro cittadino - spiega Luciano - non solo per un discorso di giustizia sociale, ma soprattutto per una migliore gestione della risorsa idrica, garantendoci serbatoi pieni a sufficienza anche nel prossimo mese". In un primo momento, l'amministratore unico di Salerno Sistemi aveva annunciato riduzione della portata d'acqua da giovedì 31 agosto. Poi il ripensamento. "Non è più rinviabile, dobbiamo intervenire subito", ha rettificato Vincenzo Luciano.

Il comunicato

Il Comune di Salerno ha diffuso una nota stampa con l'informazione di servizio e le ultime novità: "Atteso il perdurare della straordinaria siccità, a causa della situazione sempre più critica delle fonti di approvvigionamento, la Salerno Sistemi comunica che, per favorire accumulo e regolare distribuzione nelle ore diurne, nel confermare le misure già in essere, si rende necessario estendere il razionamento idrico nella fascia oraria notturna (dalle ore 22.00 alle ore 6.00) anche alle utenze del centro città e della zona occidentale, a partire dalla serata odierna, 30 agosto 2017. Si evidenzia che ciò potrà determinare mancanza di erogazione all'utenza in tale fascia oraria".
 

Manovre e bollette

Intervenire anche nel cuore della city significa "utilizzare maggiore personale, da 6 a 18 persone - illustra l'amministratore unico di Salerno Sistemi - ma anche organizzare turni di lavori straordinari e notturni, con inevitabili ricadute sulle bollette del prossimo anno, perché il costo del lavoro deve essere purtroppo assorbito in qualche modo". Maggiore personale in strada perché maggiori sono le "manovre" da effettuare per ridurre la portata dell'acqua nella zona occidentale. "Nella zona orientale di Salerno, l'alimentazione delle utenze avviene a valle del serbatoio; nella zona occidentale, c'è la condotta principale dell'acqua dell'Asis. Le manovre sono delicate, perché se la portata viene ridotta drasticamente si registrano danni, dunque perdite e riparazioni. Ecco perché è pressoché impossibile intervenire nel centro storico di Salerno". 

La costiera amalfitana

Le novità non sono finite. "Ieri c'è stata una importante riunione in Regione - prosegue Luciano - ed è stata riaggiornata a lunedì prossimo. Ragioniamo su una diversa distribuzione della risorsa idrica tra i vari gestori, con particolare riferimento a Salerno, al Cilento, al Vallo di Diano e alla Costiera Amalfitana. Fin qui abbiamo cercato di non penalizzare le zone della provincia a maggiore impatto turistico. Da martedì prossimo, però, si interverrà anche in Costiera Amalfitana: diminuirà la portata dell'acqua anche lì, è necessario tutelare anche il capoluogo e le altre zone in difficoltà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litorale di Salerno, spunta la diga soffolta per allungare la spiaggia

  • Salerno si stringe attorno a Carmine Novella, il Capitano ringrazia e promette: "Lotterò a testa alta"

  • Sviene quattro volte in un giorno e gira tre ospedali, poi il decesso: indagati 2 medici

  • "Forza Capitano!": Salerno fa il tifo per Carmine Novella

  • Covid-19: muore un 34enne ad Agropoli, nuovi casi a Caggiano e Pagani

  • Covid-19: muoiono altri 4 positivi, 11 decessi in 24 ore nel salernitano. Altri casi in 10 comuni

Torna su
SalernoToday è in caricamento