Croce Verde Bidente partecipa a “Baccanalia 2017” a San Gregorio Magno

Il sindaco del paesino salernitano ha accolto positivamente la richiesta di partecipazione memore del grave terremoto che colpì la sua comunità nel 1980, concedendo il patrocinio alla partecipazione della delegazione

La missione ad Amatrice

L'associazione Croce Verde Bidente di Meldola (Fc) sarà impegnata in una nuova missione di raccolta fondi per le zone terremotate dell'Alto Maceratese realizzando, questa volta, un progetto internazionale destinato ai giovani e teso a consolidare gli ormai storici rapporti di interscambio culturale tra l'Associazione e i Comuni di Donji Vakuf (Bosnia -Herzegovina) ed il Comune di San Gregorio Magno (Sa). Il sindaco di San Gregorio Magno, Onofrio Grippo, ha accolto positivamente la richiesta di partecipazione memore del grave terremoto che colpì la sua comunità nel 1980, concedendo il patrocinio alla partecipazione della delegazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La delegazione della Croce Verde Bidente di Meldola insieme ad una delegazione di ragazze e ragazzi bosniaci provenienti dal comune di Donji Vakuf (Bosnia -Herzegovina) partecipano quindi al tradizionale evento enogastronomico Baccanalia a San Gregorio Magno. La delegazione ha allestito un punto ristoro in una delle seicento grotte, gentilmente concessa in uso gratuito della proprietaria Lucianna Frunzi, proponendo la tipica cucina gregoriana grazie a due volontarie meldolesi originarie della ridente cittadina del sud. “Lo spirito della missione - dichiara il presidente dell’associazione Romano Paglia -  è quello che da sempre contraddistinque l'associazione: agire per promuovere l'interscambio culturale, l'amicizia tra i popoli, la collaborazione e la solidarietà dal basso per soccorrere in modo diretto chi affronta momenti di emergenza e difficoltà economica, in questa occasione sarà fondamentale il rinnovato impegno di giovani bosniaci che con la loro gioiosa presenza sono parte della sfida multiculturale che impegna la loro tanto martoriata terra, teatro di una delle più sanguinose guerre della storia liberata solo nel 1995”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

  • "C'è una bomba a Fratte": strade chiuse al traffico e artificieri all'opera, ma è un falso allarme

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

Torna su
SalernoToday è in caricamento