“Il Crocifisso Ritrovato”: una scultura di sabbia dedicata a Peppe Natella

L’opera sculturea è stata realizzata dallo spagnolo Aaròn Jimenéz Ojieda e dal russo Aleksei Rybak. Presentata dalla Compagnia della Sabbia nel sottopiazza della Concordia, è stata visitata anche dalle figlie di Peppe Natella. A loro è stata consegnata una targa con dedica

Un momento della cerimonia

Una scultura di sabbia dedicata a Peppe Natella, papà della Fiera del Crocifisso Ritrovato, è stata presentata e visitata stamattina da Chiara e Rossella, le figlie dell'indimenticato professore, nella tendosutruttura che accoglie la mostra allestita dalla Compagnia della Sabbia, nel sottopiazza della Concordia, a Salerno. La famiglia Natella - le figlie e la madre Adriana - ha accolto con grande emozione questo gesto di affetto e ha presenziato all'iniziativa, insieme al sindaco di Salerno Vincenzo Napoli.


La scheda

La scultura si chiama Il Crocifisso Ritrovato proprio in omaggio a Peppe Natella, nel terzo anniversario della sua scomparsa. La storica kermesse cittadina ha superato il quarto di secolo e ogni anno, a primavera inoltrata, riempie il centro storico cittadino di  scene di vita medievale, con figuranti, saltimbanchi e mercatini storici. L’opera sculturea dedicata a Peppe Natella è stata realizzata a due mani dallo spagnolo Aaròn Jimenéz Ojieda e dal russo Aleksei Rybak: all’istintività del primo è stata affidata la resa del mago e del diavolo, alla precisa linearità del secondo, invece, quella del crocifisso di Cristo. L'opera accoglie i visitatori. E' infatti la prima opera del percorso espositivo e la si può ammirare all'ingresso. E' scavata nella sabbia e mostra mostra mago Barliario alle prese con il diavolo, un po’ tentatore un po’ consigliere. Sullo sfondo il ponte dei Diavoli. Chiude la composizione, a sinistra, il “Crocifisso”, che si intreccia alla leggenda del negromante.  “La Fiera del Crocifisso Ritrovato”

La dedica

Il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli e la Compagnia della Sabbia hanno consegnato una targa alle figlie di Peppe Natella. La dedica: “Alla memoria del professore Peppe Natella, padre della Fiera del Crocifisso Ritrovato, uomo simbolo dell'identità salernitana che ha creduto nella cultura come volano sociale ed economico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Covid-19, De Luca firma l'ordinanza: movida di nuovo sotto controllo

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Test sierologici gratuiti per Covid-19 e Epatite C: l'iniziativa a Salerno

  • Il maltempo mette in ginocchio la provincia: scattano evacuazioni a Sarno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento