menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La commissione

La commissione

Cstp, via libera alla vendita del ramo d'azienda: 3 le offerte pervenute

Da bando, il prezzo di base d'asta è 5.802.000 euro ma si va al rialzo: l'offerta giudicata migliore sarà quella che avrà ritoccato sensibilmente l'importo, migliorandolo

Nella sede del Cstp di piazza Matteo Luciani, a Salerno, è terminata la seduta convocata per la presa visione delle offerte destinate all'acquisizione del ramo d'azienda. Le offerte pervenute sono state tre - di Bus Italia, Cotrac e Air - ma pare che solo quella di Bus Italia abbia risposto ai requisiti del bando con la contestuale presentazione della proposta amministrativa, tecnica ed economica. Le altre sarebbero lacunose: presenterebbero carenze. Ad annunciarlo è stato il commissario liquidatore Raimondo Pasquino. La Commissione si riserva tre giorni di tempo per esaminare i plichi. Venerdì mattina alle 10 sarà aperta la busta dell'offerta economica. Ieri nella sede del Cstp erano presenti due dirigenti di Bus Italia e uno di Cotrac. Da bando, il prezzo di base d’asta è 5.802.000 euro ma si va al rialzo: l’offerta giudicata migliore sarà quella che avrà ritoccato sensibilmente l’importo, migliorandolo.

La cessione del ramo d’azienda è un pacchetto molto ampio che comprende la vendita dei contratti di servizio biennali, dei rapporti di lavoro in essere, gli autobus e tutti gli altri veicoli di proprietà, autorizzazioni, licenze, concessioni e permessi, attrezzature di officina, contratti e rapporti giuridici pendenti, immobilizzazioni immateriali iscritte in bilancio. Non sono oggetto di cessione alcuni immobili: i depositi di Fuorni e di Pagani, le rimesse di Altavilla Silentina e Vallo della Lucania. Per questi immobili, infatti, l’acquirente dovrà pagare al Consorzio Salernitano Trasporti Pubblici un affitto annuale di 500mila euro per due anni. L’acquirente ha ulteriori vincoli: la sua capacità finanziaria documentata dovrà essere di almeno 20 milioni di euro e dovrà impegnarsi a proseguire l’attività per almeno due anni mantenendo costante in questo lasso di tempo il livello occupazionale che viene stabilito nell’atto di vendita (il numero di dipendenti che intenderà assumere). Il livello occupazionale garantito è un passaggio importante del bando: la commissione stilerà una graduatoria di merito assegnando un punteggio complessivo di 100 punti ma chi si impegnerà ad assumere il maggior numero di lavoratori potrà ottenere fino a 30 punti. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento