rotate-mobile
Cronaca

Dad e classi "dimezzate": ecco i dirigenti che stanno accogliendo l'invito alla flessibilità di De Luca

"I dirigenti scolastici che non applicano l’Atto di Raccomandazione e Richiamo della Regione Campania assumono responsabilità penali e civili in caso di contagi", ha ricordato l'imprenditore Antonio Ilardi

Non tutte omogenee, le risposte fornite alle famiglie dai dirigenti scolastici salernitani, dopo l'atto di raccomandazione emanato dal Governatore Vincenzo De Luca e rivolto a tutte le scuole campane (con il solo punto sul 50% di alunni in aula specifico per le superiori di II grado). Diversi, infatti, i genitori del territorio che, pur senza comprovate situazioni di fragilità ma in un'ottica di prudente prevenzione, preferirebbero la DAD per i loro figli. "I dirigenti scolastici che non applicano l’Atto di Raccomandazione e Richiamo della Regione Campania assumono responsabilità penali e civili in caso di contagi", ha ricordato l'imprenditore Antonio Ilardi impegnato nella guida del gruppo Facebook Genitori Salerno Sì DAD.

La mappa

In particolare, risulta che al liceo "Tito Lucrezio Caro" di Sarno sia stato accolto l'invito del presidente e sia stata quindi dimezzata al 50% la presenza in aula, così come presso l'Istituto Magistrale Alberto Galizia di Nocera Inferiore, il liceo classico Tasso di Salerno, il liceo Da Procida, l'istituto Santa Caterina Amendola e il Focaccia che prevede ingresso alle 8 per le prime tre classi, mentre alle 9.45 per quarte e quinte. Intanto, la scuola media Torquato Tasso ha tutte le classi al 50% già dall'inizio dell'anno scolastico. L'istituto Pacinotti di Scafati, inoltre, ha rinviato di una settimana l’apertura e ha provveduto a predisporre i moduli per la richiesta della dad. Didattica al 50% in aula anche per il Genovesi Da Vinci. Qualche dubbio in più, da parte dei dirigenti scolastici, sulle richieste dei genitori che, senza comprovate esigenze legate a fragilità di carattere medico, chiedono la DAD. Aleggia ancora confusione e mancano nella maggioranza dei casi risposte pronte alle famiglie che, classi dimezzate a parte, opterebbero volentieri per le sole lezioni a distanza. Incoraggiate dal gruppo Genitori Salerno Sì DAD, tuttavia, le famiglie non si arrendono e stanno insistendo a inviare pec alle scuole, per ottenere le risposte sperate, in linea con la flessibilità auspicata dal Governatore De Luca, a tutela della salute pubblica.

La nota del coordinamento "Scuole Aperte"

E domani, 1 febbraio, dalle ore  9.30, nei pressi del  liceo Francesco De Sanctis di Salerno, si terrà la conferenza stampa di presentazione del Protocollo Covid-9 a scuola – Guida pratica redatto dal coordinamento "Scuole Aperte", utile a dirigenti e genitori per riuscire a districarsi nei protocolli riguardanti le azioni che la scuola deve mettere in atto per i casi Covid.

L'appello

Auspichiamo una scuola sempre aperta per cui proponiamo: abolizione di classi pollaio, implementazione e razionalizzazione dei trasporti, interventi straordinari di edilizia scolastica e tracciamenti. Perché si possa rendere normale ciò che oggi appare eccezionale: la scuola è a scuola!


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dad e classi "dimezzate": ecco i dirigenti che stanno accogliendo l'invito alla flessibilità di De Luca

SalernoToday è in caricamento