Decreto Sicurezza, la Consulta boccia Salvini: "Sì all'anagrafe dei richiedenti asilo"

Le questioni di legittimità costituzionale erano state sollevate dai Tribunali di Milano, Ancona e Salerno. Il leader della Lega: "I giudici fanno politica sostituendosi al parlamento"

 La Corte Costituzionale ha esaminato le questioni di legittimità costituzionale sollevate dai Tribunali di Milano, Ancona e Salerno sulla disposizione che preclude l'iscrizione anagrafica degli stranieri richiedenti asilo, introdotta con il primo "Decreto sicurezza" (dl n. 113 del 2018) firmato dall’ex ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini.

La decisione

Per la Consulta è incostituzionale la norma che vieta l'iscrizione all'anagrafe dei richiedenti asilo, in quanto viola l'articolo 3 della nostra Carta che prevede l'uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge "senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali". "Irrazionalità intrinseca" ravvisa la Corte perché la norma prevista da Salvini non agevola le finalità di controllo del territorio dichiarate dal decreto. E "irragionevole disparità di trattamento" perché rende ingiustificatamente più difficile ai richiedenti asilo l'accesso ai servizi che devono essere loro garantiti. La sentenza è arrivata nel giorno (ieri) in cui era previsto al Viminale il quarto confronto interno alla maggioranza sulla modifica dei decreti. Il vertice è poi slittato al pomeriggio di martedì 14 luglio, ufficialmente a causa dei lavori dell'aula della Camera ai quali alcuni componenti delle delegazioni dovevano partecipare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La reazione di Salvini:

"Anche sui decreti Sicurezza qualche giudice, come accade troppo spesso, decide di fare politica sostituendosi al Parlamento. Un ‘richiedente asilo' in oltre il 50% dei casi viene riconosciuto come clandestino dalle commissioni prefettizie, senza quindi nessun diritto di rimanere in Italia: secondo la Corte dovremmo quindi premiare chi mente e infrange la legge? La sicurezza e il benessere degli Italiani, degli immigrati perbene e dei veri richiedenti asilo, vengono prima di tutto"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Grande attesa a Fisciano, apre il Parco Commerciale "Le Cinque Porte"

  • Il postino di "C'è Posta per Te" fa tappa a Padula: mistero sul destinatario della lettera

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento