Dichiarazioni “infelici” del sindaco Napoli sulle Fonderie Pisano e del sindaco di Pontecagnano su Avellino

Le osservazioni del consigliere comunale Gianpaolo Lambiase

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Tanti hanno condannato, a ragione, l’atteggiamento irresponsabile del Sindaco di Avellino, che ha aizzato i tifosi della squadra di calcio cittadina, incitandoli in cori da stadio contro la città di Salerno. Né credo sia stata opportuna la risposta del Sindaco Lanzara, che ha minacciato di firmare un’ordinanza per . Il comportamento del Sindaco di AV non è condannabile per la “bravata” (di uso frequente tra tutte le tifoserie ultras), ma per aver messo in pericolo, in piena emergenza sanitaria, la salute dei suoi concittadini, assembrati in spazi ridotti senza alcuna protezione! Il Sindaco è responsabile delle condizioni di salute della popolazione. Deve garantire il diritto alla salute, la salubrità dell’aria e del’ambiente ai cittadini.Per tali motivazioni credo sia censurabile anche l’intervista di ieri del Sindaco Napoli al TG3 Campania a proposito della vicenda “Fonderie Pisano”.

Il comitato Salute e Vita di Fratte ha denunciato l’immobilismo della Regione in possesso di studi attendibili, che attestano la pericolosità per la salute pubblica delle attività delle Fonderie Pisano, ed il nostro Sindaco ha dichiarato: <…pare che lo studio sia stato consegnato alla Regione… posso immaginare che il Presidente De Luca vorrà predisporre sulla scorta di analisi obiettive e non di atteggiamenti isterici… un blocco della produzione…>.
Quest’ultima affermazione, <…atteggiamenti isterici…>, non è accettabile ed offensiva. Non si può ignorare e/o sottovalutare il dramma vissuto da tanti cittadini, che contano morti e malati, in un quartiere della città dove si continua a respirare il fumo delle Fonderie.

Il consigliere comunale Gianpaolo Lambiase

 

Torna su
SalernoToday è in caricamento