rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Dipartimento Materno Infantile del Ruggi, la Uil difende la professionalità di medici e operatori sanitari

Il tempo del Covid 19 ha determinato criticità organizzative, strutturali e di comunicazione nel percorso della gravida e del neonato sospetti o affetti da infezione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

La Uil Fpl provinciale a sostegno del Dipartimento Materno Infantile dell’Azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona  di Salerno. Il tempo del Covid 19 ha determinato criticità organizzative, strutturali e di comunicazione nel percorso della gravida e del neonato sospetti o affetti da infezione. Tali criticità  sono state affrontate per garantire la migliore assistenza alla gravida/puerpera e al neonato seguendo i protocolli sia generali che specifici per questo profilo peculiare di pazienti. I protocolli sono stati rispondenti alle indicazioni aziendali , ministeriali e delle società Scientifiche dei professionisti del percorso materno-infantile sia fisiologico che patologico. "Partendo dai bisogni primari delle mamme come l’allattamento naturale e il sostegno alla genitorialità,  le nutrici hanno richiesto una maggiore flessibilità  presso il reparto di Patologia neonatale - hanno spiegato i vertici della segreteria provinciale e della segreteria aziendale della Uil Fpl -. Lo scorso 19 luglio  abbiamo avuto  un incontro con il primario della Terapia Intensiva Neonatale, la dottoressa Maria Grazia Corbo, persona eccezionale sia come professionista che come persona dotata di grande sensibilità e umanità. La dottoressa Corbo ha illustrato dettagliatamente i criteri di sicurezza che sono stati adottati nel periodo della pandemia fin dai primi giorni della pandemia stessa e che hanno ispirato modifiche dell’organizzazione del reparto con regolazione degli accessi, differenziazione di percorsi per madri ricoverate e madri provenienti dall’esterno, tracciamento dei genitori grazie al servizio di sorveglianza aziendale, limitazione delle visite sostituite da videochiamate, allestimento di stanza di isolamento conforme ai requisiti per il ricovero di neonato sospetto o affetto. Con questa organizzazione nel Reparto di Neonatologia non si è determinato alcun contagio intraospedaliero di pazienti oppure di operatori. Con l’evoluzione epidemiologica della pandemia, inoltre, il modello organizzativo è diventato più flessibile e si è ripristinato quasi completamente quello ordinario. Infatti, al fine di assicurare al massimo grado la tranquillità delle mamme è  garantito l’allattamento al seno con  ambulatorio con figura dedicata per la raccolta del latte materno da lasciare ai propri bambini, in ambienti distinti per le madri nutrici  provenienti da casa e per le puerpere ancora ricoverate. Se il bimbo lo consente viene allattato al seno  negli orari di allattamento altrimenti viene lasciato il latte per i piccoli. Inoltre altra bella iniziativa è quella di garantire al bambino  ricoverato  in Patologia Neonatale per osservazione od esami  di rientrare al rooming in. Inoltre le mamme, i cui bambini sono in dimissione protetta, vengono addestrate all’assistenza dei piccoli per il rientro a casa, nei giorni precedenti la dimissione.   È importante fare chiarezza in quanto nel reparto di terapia intensiva nessun neonato è stato contagiato e questo grazie all’impegno di tutti gli operatori, i quali hanno applicato i provvedimenti anti-Covid 19 condivisi con  altri centri sul territorio italiano. La dottoressa Corbo ha anche illustrato tutte le iniziative di donazione dei dispositivi di protezione individuale e di attrezzature per assistenza, da parte di  associazioni, enti,  privati, famiglie di bambini. Li ringraziamo perché  nella  prima fase dei contagi si è sofferta molto la ridotta disponibilità di tanti dispositivi  di sicurezza e grazie al loro  intervento si è potuto continuare a lavorare in sicurezza". 

Il Centro Tin del Ruggi di Salerno accoglie bambini di gravide ricoverate nell'Unità di ”Gravidanza a rischio”, spesso trasferite da altri ospedali o di altri centri nascita che non dispongono delle cure intensive. La  mole di lavoro è notevole perché  la patologia ostetrica è in aumento. Le donne affrontano la gravidanza in un’età più avanzata e con patologie complicanti per le quali molto spesso si parla di preziosità fetale. Per tale ragione, secondo la Uil Fpl provinciale, i centri nascita  dedicati  richiedono un potenziamento continuo ed aggiornato con moderne tecnologie  per garantire standard di assistenza ben distinti da quelli delle gravidanze fisiologiche. "I colloqui con le madri nutrici hanno fatto emergere la necessità di avere  uno spazio di accoglienza dedicato ai genitori dove  possano sostare, in prossimità del reparto, integrati nella sua routine, minimamente confortevole per ridurre lo stato di ansia e di stress determinato dal ricovero del proprio bambino. Eppure si intravede una possibilità: tali spazi sono identificabili all’ ingresso del reparto e devono essere provvisti di tutti i comfort necessari per la sosta dei genitori. L’accoglienza è il requisito fondamentale che promuove la cultura  e  la tutela della maternità.  Inoltre, poiché l’utenza è multietnica,  l’intervento della mediazione culturale è fondamentale predisporre i locali di accoglienza adeguati in modo da integrare le stesse  nel contesto sociale.   A sostegno  della maternità è prioritaria l’attivazione della rete di trasporto assistito Materno (STAM)  e il trasporto in emergenza neonatale (STEN) poiché la rete organizzativa garantisce l’assistenza perinatale per le gravidanze a rischio consentendo un’assistenza adeguata e più qualificata. L’attivitàassistenziale del Reparto di Gravidanza a Rischio diretta dal dottore Mario Polichetti  insieme ai suoi collaboratori si integra fortemente con quella della Terapia Intensiva Neonatale (TIN), al fine di gestire al meglio eventi patologici che mettono a rischio la vita della madre e del bambino. Per tale ragione l’attivazione della rete Stam e Sten è fortemente  sostenuta al fine di integrare un servizio che garantisce l’assistenza adeguata ed in tempi brevi alle mamme ed ai piccoli.  Altra criticità riscontrata è la carenza nel numero di infermieri pediatrici e neonatologi, che essendo figure specializzate nella terapia intensiva neonatale, sono quindi importanti nel funzionamento e struttura del medesimo reparto. Il nostro impegno è affiancare e sostenere tali iniziative per garantire prestazioni di qualità e sopperire ai reali bisogni dell’utenza", hanno concluso i vertici della segreteria provinciale e della segreteria aziendale della Uil Fpl. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipartimento Materno Infantile del Ruggi, la Uil difende la professionalità di medici e operatori sanitari

SalernoToday è in caricamento