rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca Siano

"Dipendenti minacciati con un piccone nel centro raccolta rifiuti di Siano": la denuncia e l'appello della Cgil

La FP Cgil: "Andremo in fondo per accertare le responsabilità di quanto accaduto e chiediamo maggiori tutele e sicurezza per i vigili e gli ausiliari, nonché per tutti i dipendenti dell'Ente”

“Piena ed incondizionata solidarietà ai due dipendenti del Comune di Siano. Andremo in fondo per accertare le responsabilità di quanto accaduto e chiediamo maggiori tutele e sicurezza per i vigili e gli ausiliari, nonché per tutti i dipendenti dell'Ente”.

Lo hanno detto il segretario Generale della FP Cgil Salerno Antonio Capezzuto e il Coordinatore provinciale Enti locali della Funzione pubblica Cgil, Alfonso Rianna a proposito di un episodio che si sarebbe verificato martedì mattina a Siano, nel centro di raccolta rifiuti di via Zambrano. "Una pattuglia della polizia locale è intervenuta per identificare due soggetti che stavano scaricando abusivamente ogni tipo di rifiuto dopo aver minacciato gli operatori del centro. - scrivono in una nota i sindacalisti - Alla vista della pattuglia i due, brandendo un piccone hanno iniziato a colpire i veicoli minacciando di morte i due dipendenti intervenuti. Uno di loro, un ausiliare al traffico, probabilmente non sarebbe dovuto neppure essere lì a rischiare la propria vita” spiega Rianna. Secondo i sindacalisti, "i due intrusi poi, avrebbero tentato di darsi alla fuga dopo aver speronato l'auto della polizia locale, danneggiandola".

Si tratterebbe dell'ennesima aggressione ai danni dei dipendenti comunali. “Ringraziamo intanto i Carabinieri di Siano e Mercato San Severino che hanno arrestato, su disposizione del pm del Tribunale di Nocera Inferiore, Donatella Diana, questi delinquenti”, concludono Antonio Capezzuto e Alfonso Rianna, Fp Cgil.

L'udienza

Al termine dell'udienza di convalida, il tribunale di Nocera Inferiore ha liberato i due, disponendo l'obbligo di firma per solo uno dei due indagati. L'udienza si è aggiornata al prossimo dicembre, con il legale dei due fratelli che ha raccontato tutt'altra versione, spiegando che i suoi assistiti sarebbero stati letteralmente "sequestrati all'interno della discarica, dove depositano invece da anni rifiuti, perchè autorizzati". I due fratelli si sono difesi, durante l'udienza di convalida, negando minacce e aggressioni nei riguardi delle due donne, dipendenti del Comune di Siano.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dipendenti minacciati con un piccone nel centro raccolta rifiuti di Siano": la denuncia e l'appello della Cgil

SalernoToday è in caricamento