menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Disagi nel reparto di "Neuropsichiatria Infantile" del Ruggi: denuncia di Giordano

La deputata grillina: "Medici e infermieri sono costretti a stare in due stanzette piccolissime per visitare i propri pazienti. I bambini e i loro genitori devono stare in piedi per attendere il loro turno"

Caos e disagi nel reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, che è stato “completamente abbandonato”. Lo denuncia la deputata salernitana del Movimento Cinque Stelle Silvia Giordano, che spiega: “Medici e infermieri sono costretti a stare in due stanzette piccolissime per visitare i propri pazienti. Per non parlare delle condizioni in cui sono costretti ad attendere i bambini il proprio turno: in piedi nei corridoi del reparto insieme ai propri genitori. Parliamo – sottolinea - di bambini affetti da disturbi psichici, bambini autistici e bambini che non sono neanche in grado di muoversi. E’ uno spettacolo vergognoso, che va oltre ogni dignità e rispetto umano”.

Per Giordano “un’azienda come il Ruggi, che si atteggia ad essere il primo ospedale della provincia di Salerno, Dea di terzo livello, non può consentire tutto questo”. Di qui l’appello al direttore Cantone “affinché trovi uno spazio adeguato per la Neuropsichiatria Infantile”. “Al Ruggi ci sono tanti reparti inutilizzati e parti dell’ospedale completamente abbandonate. E’ ora di mettersi a lavorare seriamente e lasciare da parte i soliti proclami di efficienza che, puntualmente poi, vengono smentiti dai fatti” conclude la deputata grillina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento