rotate-mobile
Cronaca

Terra dei fuochi, l'allarme di don Patriciello: "Luce sulla Piana del Sele"

Dibattito a Salerno con il parroco di Caivano che avverte: "Non pensiate che la storia dei rifiuti finisca a Caivano». De Luca: «Diffidenti sull'operato del governo"

"Non pensate che la terra dei fuochi finisca a Caivano. Mi auguro che la zona del Sele non sia stata intaccata, anche se i Casalesi sono arrivati anche a Battipaglia ''. Lo ha detto don Maurizio Patriciello nel corso del convegno "Noi, reti di legalità contro il biocidio", nel Salone dei Marmi del Comune di Salerno. ''Ci devono dire - rimarca Don Maurizio, parroco di Caivano - quali sono i terreni inquinati e quali sono quelli sani. Bisogna dare speranza alle persone e fiato all'agricoltura. La camorra ha fatto il suo mestiere, il camorrista non vuole bene a nessuno, neanche a se stesso e ai suoi figli. Le colonne di fumo nero ci hanno rubato la vita, la salute, la serenità". Poi spiega: "Io pensavo, ingenuamente, che come vedevo io i roghi, li vedeva anche il sindaco e le forze dell'ordine, invece non era così''.

All'incontro è intervenuto anche il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca: "'La priorità deve essere definire una mappa vera, seria delle zone inquinate. Aspettiamo cosa decide il Governo martedì, ma siamo diffidenti. Dobbiamo avere la mappa e la bonifica, nonché un programma avanzato per definire la tracciabilità di tutti i prodotti ortofrutticoli. Oggi la Campania è l'unica regione italiana in cui cinque soggetti istituzionali intervengono nella gestione dello smaltimento dei rifiuti, con costi esorbitanti per le famiglie. Si tratta di una cosa demenziale e criminale. La soluzione è affidare ai comuni, singoli e associati, la gestione dei rifiuti. Il 72% della raccolta differenziata a Salerno rappresenta un miracolo in Campania e nel Sud''.

Gli fa eco don Aniello Manganiello dell'associazione "Ultimi per la legalità": ''Non posso fermare il cuore del mio territorio, quello agro-nolano. La mia terra è stata devastata anche dal silenzio delle istituzione e di parti delle forze dell'ordine che hanno permesso e tollerato che in quella terra venissero interrati rifiuti tossici provenienti da Germania, Inghilterra e Nord-Est''. L'incontro è stato introdotto dal consigliere comunale Anna Ferrazzano, la quale ha definito ''don Aniello Manganiello, parroco di frontiera e fondatore dell'associazione Ultimi per la legalità e don Maurizio Patriciello, esempi forti e reali di chiesa di frontiera, viva e attiva che con la loro opera costituiscono una delle più fattive e importanti agenzie di impegno sociale, insieme alla fitta rete di volontariato che pure si impegna in ambito ambientale''.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terra dei fuochi, l'allarme di don Patriciello: "Luce sulla Piana del Sele"

SalernoToday è in caricamento