Cronaca

L'atto d'amore più grande: donazione di organi al Ruggi

E' accaduto nella notte del 17 maggio, quando è stato effettuato un prelievo di organi e tessuti, nello specifico polmoni, fegato, pancreas e reni, da una donatrice, N. A., 32 anni

Un atto di altruismo, di solidarietà ed amore, si è verificato nella notte del 17 maggio scorso: al Ruggi di Salerno è stato effettuato un prelievo di organi e tessuti. Espiantati polmoni, fegato, pancreas e reni da una donatrice, N. A., di 32 anni.

I dettagli

La giovane donna, era ricoverata presso il Centro di Rianimazione dell'Azienzda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona, a causa di un grave ictus che ha minato per sempre la sua breve esistenza. La famiglia della ragazza, nonostante affranta e sopraffatta dal dolore, con questo nobile gesto di amore verso il prossimo ha comunque espresso il proprio consenso a procedere all'espianto degli organi, diffondendo un esempio di umanità, munificenza e sostegno volto a garantire speranza di vita alle tante persone sofferenti. L'intero processo di donazione ha visto coinvolti il personale del Centro di Rianimazione, del Centro Regionale Trapianti, della sala operatoria, dell'equipe chirurgiche dei Servizi Aziendali e della Polizia di Stato. Il direttore generale del Ruggi, il dottore Vincenzo D'Amato, ha espresso a nome proprio e di tutta l'azienda un pensiero di cordoglio alla famiglia della donatrice. "Con questo gesto di grande espressione d'amore per il prossimo - ha dichiarato - la famiglia ha contribuito a diffondere il valore della solidarietà, nella certezza che il dolore per la perdita subita sarà almeno in parte alleviato dalla consapevolezza di aver offerto una nuova opportunità di vita".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'atto d'amore più grande: donazione di organi al Ruggi

SalernoToday è in caricamento