Cronaca

Dragonea, gli abitanti in rivolta per la chiusura della Strada Provinciale 75

In una lettera resa pubblica denunciano: "Sono ormai giorni che non ci viene data risposta per la messa in sicurezza della strada e per una rapida sua riapertura"

A seguito della chiusura della strada provinciale 75, che collega la frazione di Dragonea a Cava de ‘Tirreni, undici famiglie della zona denunciano  i gravissimi disagi di natura economica di sicurezza per motivi di collegamento con l'ospedale vicino, ma anche di lavoro e scolastici in virtù della imminente apertura delle scuole che tale chiusura sta causando. "Sono ormai giorni - denunciano i residenti di Dragonea - che non ci viene data risposta per la messa in sicurezza della strada e per una sua rapida riapertura".

"Negli anni passati - spiegano in una lettera . si è tanta decantata la possibilità di estendere l'illuminazione pubblica anche a questo tratto di strada, le amministrazioni sembravano essere d'accordo su questo, ma non è stato così, sono rimasti solo slogan ed annunci e di fatti concreti non si sono visti. La fortuna vuole che nei pressi delle grotte naturali del Bonea si colloca il Santuario dell' Avvocatella che attira migliaia di fedeli e che grazie ai suoi rettori viene posto l'accento sulla pulizia della strada, tant'è che di frequente viene spazzata dai mezzi della nettezza urbana.Il problema dunque resta quello che centinaia di famiglie sono ancora in attesa di ricevere una risposta concreta a questi disagi e se ad oggi nulla si è ancora visto, pensiamo che sia il momento che le amministrazioni, gli Enti preposti, diano attenzione a questo problema poiché non è una questione d'ufficio ma una questione che arreca disagio a migliaia di famiglie, di lavoratori, di studenti, di ammalati".

La missiva è firmata dalle famiglie Rosa, Avallone, Vitale, Rizzelli, Fasano, Apuzzo, Marciano,Vitulano, Della Rocca, De Falco e Manzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dragonea, gli abitanti in rivolta per la chiusura della Strada Provinciale 75

SalernoToday è in caricamento