menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dragonea, rifiuti tossici e cani abbandonati lungo le strade: nuova denuncia

Il Comitato dei residenti della frazione denuncia il "randagismo" dell'amministrazione comunale di Vietri sul Mare e annuncia nuove azioni di protesta

Il cittadini di Dragonea sono stanchi di aspettare ed ora minaccia proteste eclatanti se non saranno presi provvedimenti immediati per il degrado e la pericolosità delle strade divenute habitat dei cani randagi e della spazzatura. E’ passato, infatti, poco più di un mese dalla denuncia fatta dal Comitato Civico Dragonea per la presenza di rifiuti tossici per le strade di Dragonea ed in particolare per la presenza sempre più numerosa di cani randagi vaganti per le vie del paese creando preoccupazioni per  i passanti e i bambini che la mattina si recano a scuola con la paura di essere morsi.

“Ad oggi – fanno sapere dal comitato - l’amministrazione vietrese come pure le autorità locali che dovrebbero curarsi di questa problematica, si sono davvero dati loro stessi al “randagismo”.  Chi avrebbe da accogliere queste istanze continua quindi a rimanere sordo di fronte a delle problematiche alle quali dovrebbe essere data la priorità e l’ordine del giorno vista la latitanza di 5 anni di assoluto immobilismo dimostrato di fronte ad un paese che conta un gran numero di cittadini e di famiglie vietresi”.

“In questi giorni stiamo denunciando sempre di più questi scempi - proseguono anche tramite il web ed il nostro profilo facebook e stiamo raccogliendo testimonianze di tantissime persone che dichiarano di aver paura di uscire di casa a piedi o in motorino per la paura di vedersi aggredito da un animale vagante, in particolare nella zona dei semafori via Vallone dove è routine mattuttina il raduno di cani che si cibano tra i sacchetti della spazzatura, da alcuni commenti si legge: “anch'io l'altro giorno sono stata aggredita da un randagio, per fortuna no grave, ma non è  possibile che ogni giorno che scendiamo dobbiamo pregare che non ci succede niente. Fate qualcosa” ed ancora, un'altra persona scrive: “fate attenzione anche ad un cane bianco e marrone mi è stato dietro da giù dove sta il bidone del vetro fino a sotto le scuole che mi voleva azzannare....io sono una persona adulta e se si trova un bambino o una signora / ina ......non voglio proprio immaginare la scena….”

Poi annunciano che “queste foto saranno inoltrate a tutte le autorità competentie alle Asl, perchè qui non è in gioco solo l’incolumità delle persone ma anche la loro salute, e non ci vengano a raccontare favole che i canili sono stracolmi oppure non ci sono fondi o che basta un microchip ed il problema per i nostri “amministratori” è risolto. Ci si aspetta forse, qualche altra aggressione e qualche ferito? Oppure qualcosa di più grave?  Nella veste di comuni cittadini, chiediamo un immediato provvedimento da parte dell’amministrazione, ed un maggiore rispetto alle persone che denunciano la gravità dei fatti, anche perché cari signori la vostra tanto cara “poltrona” fino a prova contraria la dovete al vostro popolo che vi ha eletto, dunque, l’attuale tattica del “randagismo” non lo riusciamo a concepire".

“Per la nostra cara frazione - concludono i membri del comitato - c’è molto da lavorare, non bastano due o tre mesi per tappare qualche buco, ormai il dado e tratto ed i cittadini hanno modo di stilare tra poco tempo il loro responso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento