Cronaca

"Sei diversamente abile? Viaggia isolata dai tuoi compagni di scuola", il caso ad Eboli

A raccontare la storia, Il Mattino: il viaggio culturale della scuola Giacinto Romano di Eboli è diventato la gita della vergogna

Federica ha 15 anni e frequenta la terza media: da diversamente abile, vive su una carrozzina dalla nascita. E questo è bastato ad impedirle di partecipare ad una rappresentazione teatrale a Salerno, rara occasione, per lei, per divertirsi con i suoi compagni di classe. A raccontarne la storia, Il Mattino: quel viaggio culturale è diventato la gita della vergogna.

In via Vittorio Veneto, ore 7,45, gli alunni della scuola Giacinto Romano di Eboli sono diretti a teatro: i primi due autobus vengono riservati agli alunni normodotati, mentre la piccola viene spedita indietro: "Signora, si accomodi nel terzo pullman, quello piccolo, è riservato a lei e a sua figlia. Purtroppo nei bus davanti non c’è la pedana per far salire la carrozzina". Per giungere a Salerno, Federica non avrebbe potuto che viaggiare sul bus isolato. Ma i genitori hanno detto no: Federica non è mai salita sull’autobus."Questo viaggio a Salerno era in programma da tre mesi - ha raccontato il papà a Il Mattino -  I compagni di classe di Federica avevano pagato un euro in più  perché la scuola noleggiasse un autobus con la pedana per i disabili". I soldi in più sono stati intascati, ma l’autobus con la pedana non è mai arrivato. Una vergogna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sei diversamente abile? Viaggia isolata dai tuoi compagni di scuola", il caso ad Eboli

SalernoToday è in caricamento