Serra in costruzione ma proprietario senza autorizzazione, una denuncia a Eboli

I caschi bianchi avevano chiesto al proprietario di esibire la documentazione necessaria per l'attività, ma quest'ultimo ne era sprovvisto

La polizia municipale di Eboli sequestra 40mila metri quadri di terre a Campolongo di Eboli. Sullo sfondo c'era la costruzione di una serra. I caschi bianchi avevano chiesto al proprietario di esibire la documentazione necessaria per l'attività, ma quest'ultimo ne era sprovvisto. Il Comune, infatti, non aveva rilasciato alcun documento di tipo edilizio, utile alla costruzione. Gli operai sono stati dunque fermati, mentre lavoravano, mentre il proprietario è stato denunciato a piede libero per abuso edilizio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Fisciano, carabiniere si uccide con un colpo di pistola

  • Covid-19 a Battipaglia, 112 casi e 1 decesso. La sindaca Francese: "Ci sono i primi sintomatici, coinvolgere i medici di base"

  • Salerno a lutto: è morta Serena Greco in un incidente a Roma

  • Restrizioni per le norme anti-Covid: Sal De Riso chiude i battenti, l'annuncio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento