Eccellenze, la casa editrice Guida editori

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Eccellenza, la Casa Editrice Guida Editori, fondata a Napoli da Alfredo Guida, la storica Libreria Guida, di famiglia, attiva dal 1920 a Port'Alba, un ritrovo per gli intellettuali, un luogo centrale della vita culturale napoletana, tra cui i famosi professionisti, come: Giuseppe Ungaretti, Eugenio Montale, Alberto Moravia, Roland Barthes, Jack Kerouac, Pier Paolo Pasolini, Domenico Rea, Indro Montanelli e Pierre Klossowski, partecipavano a dibattiti che richiamavano folle di intellettuali, soprattutto giovani, e molti dei quali sono diventati a loro volta personaggi di primo piano della vita culturale. L’editore Diego Guida della Guida editori con sede a Napoli, è Presidente nazionale del gruppo Piccoli Editori dell’AIE (Associazione Italiana Editori) aderente a Confindustria. Il primo Editore meridionale a ricoprire un prestigioso incarico, eletto anche Vice Presidente Nazionale dell’AIE, da tutti gli editori iscritti che coprono oltre il 78% del mercato editoriale italiano. Una Chiacchierata con l’Editore Diego Guida. Dottore, la Casa Editrice Guida Editori e’ un gioiello d’Eccellenza nazionale, ci parla, appunto di questa storica casa editrice, ed anche dell’Associazione Guida alla Cultura ? L’anno 2020 è importante per la Guida Editori poiche’ compiamo i 100 anni di storia. Siamo alla Terza generazione di Editori, e come in ogni buona famiglia, ed in ogni buona impresa, “100 anni sono tantissimi”, e quindi tantissimi sono stati anche i cambiamenti, le variazioni, ed adeguamenti anche alle necessita’ del mercato. Per cui oggi, abbiamo una sede molto prestigiosa nel cuore del centro di Napoli, in Via Bisignano nei pressi di Piazza Dei Martiri. Abbiamo un catalogo di quasi 3.000 titoli, con uscite intorno agli 8 e i 10 libri al mese, siamo una realta’ che e’ diventata piuttosto impegnativa e poderosa. Devo dire con grandi soddisfazioni che, oltre questo compleanno, noi come Guida Editori festeggiamo anche il quarto anno di presenza, di Presidenza del Gruppo dei Piccoli Editori Nazionali dell’AIE (Associazione Italiana Editori), dopo 150 anni di Costituzione dell’Associazione AIE, la piu’ antica Associazione d’Italia di categoria,” Guida è il primo Napoletano che e’ arrivato ai vertici della associazione che rappresenta gli editori italiani”: oggi sono il Presidente Nazionale del Gruppo Piccoli Editori e Vicepresidente Nazionale di tutta l’Associazione. Questo strumento comunicativo e associativo e’ stato molto prezioso, perche’ una formidabile opportunità per lanciare da Napoli essere lanciato anche un segnale piu’ importante, non solo imprenditoriale ed editoriale, trovare il modo per accreditarsi sempre più nel mondo culturale nazionale, cosa della quale ne siamo piu’ che soddisfatti. Nel nostro catalogo, abbiamo Autori come: Umberto Eco, Andrea Camilleri, Franco Ferrarotti, Maurizio Ferraris, e potremmo ovviamente con 3.000 titoli, snocciolare tantissimi nomi, un parterre importante. Oltre 20 Collane che spaziano tra la filosofia delle scienze umane, ed anche la fiction, quindi romanzi, racconti, e poesie. Con la nostra Associazione Guida alla cultura, inoltre, quest’anno abbiamo bandito e tenuto la terza edizione del Premio Poesia: cerchiamo di dare spazio, ovviamente anche a voci diverse, quelle non solo tradizionali nel mondo del libro. Ricordiamo anche la Collana “Guida per il sociale”, con cui lanciamo dei segnali molto forti ed importanti per far crescere il territorio innanzitutto sociale e culturale. Nella collana sono ospitati oltre 15 volumi dedicati all’impegno per i più giovani, per i ragazzi, per gli ospiti del Carcere di Nisida, piuttosto che volumi dedicati al rispetto di genere, alla violenza razziale, ai rischi della droga e dell’alcol. Questi generi di pubblicazioni noi, le affianchiamo appunto, con le attivita’ dell’Associazione Guida alla cultura che, proprio per questo genere di attivita’ nello scorso 2017 ha anche ottenuto il riconoscimento di Associazione di Alto Valore Sociale nella Regione Campania, questo riconoscimento ci rafforza e ci stimola a continuare su questa strada, per cui continuiamo con una serie di progetti per il Sociale. Dottore Guida, ci posizioniamo nei primi posti come Eccellenza nazionale ? Certamente lo sforzo e’ piu’ grande e: il mercato resta sempre piu’ asfìttico, tra l’altro in questi giorni e’ arrivata la notizia dell’approvazione di una Legge nazionale sul libro, che riduce addirittura lo sconto massimo consentito alle librerie per la rivendita dei libri, passando dal 15 per cento, ad uno sconto massimo del 5 per cento (questo ci preoccupa molto). Come Editori, ma anche l’intera AIE, l’associazione di categoria, soprattutto piccoli editori, ovviamente la riduzione di uno sconto fara’ pensare ad una riduzione di mercato, e quindi una riduzione di attenzione da parte dei lettori o l’impossbilità di poter acquistare con lo stesso numero di libri, con lo stesso budget impegnato inevitabilmente se ci si limita ad un budget personale per la spesa della cultura piuttosto che l’aggiornamento professionale, e’ chiaro che si esaurisce prima, non avendo possibilita’ di ottenere sconti. Ad ogni modo, come Casa Editrice Guida tra l’altro abbiamo allestito una saletta, che e’ un vero gioiello, dove ospitiamo una serie di incontri, di presentazioni, non solamente e di nostra Edizioni, ma anche di altre case editrici per creare una sorta di attenzione verso il mondo del libro, e per creare azioni di promozioni della lettura per i ragazzi. Lo scorso mese di gennaio a Venezia, si e’ tenuto un importante convegno internazionale sul libro, gestito dalla Fondazione Cini e dalla Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri, ogni anno vengono presentati dei dati con le informazioni sul mercato del libro in Europa, con specifiche attenzioni alla parte Italiana, quest’ anno è stato evidenziato che anche per il libro esiste una questione Meridionale: I dati statistici portano un indice di lettura pari a quella della media Europea solo nella zona italiana fino a Firenze. Da Firenze in giu’ escludendo buona parte della citta’ di Roma, e quindi al Sud, vengono evidenziati indici di lettura assai modesti, ai margini della media europea, simili a quelli della Grecia, del Portogallo, certamente è tra gli ultimi dei Paesi dell’Unione Europea. Questo significa che bisogna investire molto, e mi riferisco alle Istituzioni, perche’ si possano fare azioni di promozioni della lettura e che facciano innamorare alla lettura anche i giovani, partendo proprio dalle giovani generazioni. Noi, come Casa Editrice ci sforziamo in tutti i modi, ecco, un esempio: Quest’anno per la nostra strenna di natale e’ stata la pubblicazione di una raccolta delle 10 commedie teatrali di Viviani dedicate al sociale, uno specifico segnale per dare un’attenzione alla cultura napoletana, anche impegnata, non solamente “mandolino e spaghetti”, che troppo spesso viene considerata come l’attivita’ principale di noi Napoletani. Il grande successo della citta’ anche in termini di attrazione turistica, è una opportunità per noi tutti e noi abbiamo pensato di recuperarla, di metterla a sistema creando anche, un Salone del Libro a Napoli. Perche’ dopo la chiusura di Galassia Gutenberg, che purtroppo si è sfarinata dopo quasi 15 Edizioni, tra gli anni 90 fino ai primi anni del 2000 abbiamo provato a riproporre un Salone del Libro che potesse riportare Napoli, non solo al centro dell’attenzione mediatica nazionale, ma soprattutto che potesse consentire ai piccoli Editori locali e non, di poter avere una vetrina, uno spazio dove potersi far conoscere, esporre i propri libri e far conoscere la propria produzione. La terza edizione del Salone del Libro, questo anno si terrà presso la Stazione Marittima, nei giorno 2,3,4e5 del mese di aprile, abbiamo cambiato sede rispetto alle edizioni precedenti. La prima Edizione del 2018 l’abbiamo tenuta presso il Convento di San Domenico Maggiore, e’ stata un’esperienza molto bella, abbiamo avuto quasi 20 mila visitatori in 4 giorni a ridosso dell’estate, con grande attenzione da parte del pubblico, ma soprattutto degli Editori che sono poi aumentati nell’edizione 2019 scorso, che abbiamo tenuto presso il Castel Sant'Elmo al Vomero, raggiungendo le 28 mila presenze: Una epserianza molto interessante soprattutto per la presenza non solo dei visitatori che ovviamente sono l’obiettivo principale che vogliamo raggiungere, ma soprattutto per l’attenzione da tutta Italia, abbiamo avuto le presenze di tre Ministri che sono venuti ad inaugurare il Salone , il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che ha tagliato il nastro, il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, ma soprattutto grandi sigle editoriali che hanno percepito il segnale dell’assenza totale di un’azione di un’attivita’ di promozione della lettura e perche’ no anche di crescita di mercato, hanno investito venendo su Napoli. Alla Stazione Marittima, quest’anno possiamo proporre anche servizi informatici e digitali con reti wi-fi gratuite, connessioni per i social per le giovani generazioni, per poter ricreare l’interesse particolare dell’ e l’attenzione specifica dei più giovani.

Torna su
SalernoToday è in caricamento