menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza cinghiali nel salernitano: in arrivo 1000 cacciatori

Avranno deroghe dalla Regione nell’ambito di un Piano di abbattimento controllato che consentirà battute di caccia in “braccata”, gennaio ed eventualmente febbraio, o nella cosiddetta “girata” (negli altri periodi dell’anno)

Novità (non certo gradita agli animalisti) in provincia di Salerno per scongiurare l’emergenza cinghiali sul territorio. La Coldiretti, infatti, annuncia che entro un paio di mesi saranno perfezionati alla formazione circa mille coadiuvatori per il contenimento dei cinghiali: queste nuove figure avranno deroghe dalla Regione nell’ambito di un Piano di abbattimento controllato che consentirà battute di caccia in “braccata”, gennaio ed eventualmente febbraio, o della cosiddetta “girata” (negli altri periodi dell’anno).

Alcune tecniche di contenimento (la girata, oltre al telecontrollo) saranno consentite anche nelle aree protette, per consentire il contenimento della specie. Il lavoro sarà svolto in collaborazione con la Coldiretti. La proliferazione dei cinghiali si avverte particolarmente nell’area degli Alburni e del Vallo di Diano: sarebbero quasi 2 milioni gli animali presenti sul territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

  • social

    Promozione culturale, pubblicato l'avviso della Regione Campania

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento