rotate-mobile
Cronaca

Emergenza Migranti: completato il trasferimento, nel salernitano famiglie, ragazzi e bimbi

Le forze dell'Ordine, i Vigili del Fuoco e gli altri enti preposti hanno presidiato tutta la notte il luogo

Hanno atteso di essere trasferiti nei diversi centri di accoglienza fino a stamattina: alle 8:30 circa sono arrivati al Porto di Salerno gli ultimi 3 pullman vuoti da Varese e Lecco che si sono riempiti attorno alle 10. Le forze dell'Ordine, i Vigili del Fuoco e gli altri enti preposti hanno presidiato tutta la notte il luogo: completato il grosso del lavoro per il secondo sbarco di migranti in città, nell'ambito dell'operazione Mare Nostrum.

Anche in quest'occasione, sono rimasti scossi coloro che hanno assistito all'approdo delle oltre 2000 persone, tra donne incinta, bambini e ragazzi, quasi tutti senza scarpe. Nel nostro territorio, intanto, sono stati accolti una ottantina di minori presso via dei Carrari dove il gruppo comunale della Protezione Civile ha avuto in affidamento la gestione tecnica. Ad Acerno, poi, l'arcivescovo Luigi Moretti ha messo a disposizione la struttura del seminario e sono stati accolti in 81, di cui anche famiglie palestinesi e bambini dai 2 mesi ai sei anni: in prima linea il direttore dell'Ufficio Diocesano Migranti Don Rosario Petrone e, tra gli altri, i volontari della Caritas. "La comunità di Acerno – afferma il sindacoVito Sansone - risponde con slancio all’esigenza  di accogliere quegli uomini, donne e bambini che in questo momento vivono un vero e proprio dramma umano. L’amministrazione comunale ha risposto da subito all’invito giunto da monsignor  Moretti e dal prefetto di Salerno Gerarda Maria Pantalone, i quali hanno individuato l’ex seminario quale luogo momentaneo per ospitare i migranti. Il nostro centro – conclude Sansone – non è nuovo a queste iniziative, nei primi anni ’90 la nostra cittadina ha accolto migranti provenienti dall’Albania".

A tal proposito, va ricordato che continua la raccolta per aiutare i rifugiati proprio presso la Caritas e l'associazione Migranti Senza Frontiere con sede a Brignano Inferiore. "Occorrono schede internazionali per consentire ai migranti di mettersi in contatto con le loro famiglie. E poi, per i piccoli, pannolini, latte, omogenizzati e briochine", ha detto don Rosario. L'operazione relativa allo sbarco, dunque, è da poco terminata, ma quella umanitaria è appena iniziata.

Secondo sbarco di migranti a Salerno

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Migranti: completato il trasferimento, nel salernitano famiglie, ragazzi e bimbi

SalernoToday è in caricamento