rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cronaca

Code di ambulanze al Ruggi, Tommasetti (Lega): “Inaccettabili”

Sul caso, Ciampi (M5S) presenta un'interrogazione alla giunta regionale

“La fila di ambulanze all’ingresso del Ruggi lascia costernati”. Lo ha detto Aurelio Tommasetti, consigliere regionale della Campania della Lega, all’attacco sull’ultimo avvenimento registrato al Pronto soccorso dell’ospedale di Salerno, dove, come segnalato da numerosi utenti, sono rispuntate le interminabili code dei mezzi di soccorso. “Immagini che non possono lasciare indifferenti e che rappresentano la spia d’allarme di problematiche di varia natura – osserva Tommasetti – Partiamo dalle anomalie nella gestione del Pronto soccorso dove, è notizia di pochi giorni fa, vengono dirottati specialisti di altri reparti e di altri ospedali per cercare di sopperire alla carenza di personale, già sotto stress per la mole di lavoro. Un travaso inconcepibile e una mortificazione professionale che però, da come si evince, non basta a tappare i buchi e a risolvere l’emergenza. L’estate non è ancora iniziata e già si comincia con la processione delle ambulanze e dei pazienti costretti ad attendere ore per ricevere le cure necessarie o anche semplicemente per accedere al Pronto soccorso”.

“Oltre alle carenze del Ruggi, questa situazione è determinata dal fatto che, spesso, gli utenti soccorsi dal 118 non trovano posto presso i reparti delle altre strutture della nostra provincia o addirittura extra salernitano. - incalza Tommasetti - Da qui, i cosiddetti viaggi della speranza che purtroppo offrono un’immagine indecorosa del nostro territorio a scapito dei pazienti che cercano sostegno sanitario in tempi congrui”.

L'appello del consigliere della Lega

“Mettendo insieme le varie questioni viene fuori un quadro fallimentare dell’organizzazione della sanità nella provincia di Salerno e, più in generale, in Campania. Il Pronto soccorso è un presidio fondamentale per gli utenti di ciascun territorio e non può essere lasciato in tali condizioni. Si aspetta prima una tragedia per poi intervenire in urgenza?”.

Sull'affollamento del pronto soccorso, interviene anche il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Ciampi che ha presentato un'interrogazione sull'argomento. “La Campania è l’unica regione italiana a non aver ancora recepito le linee di indirizzo nazionali sui pronto soccorso adottate oltre tre anni fa con l’accordo Stato Regioni. L'estate è uno dei momenti di massima criticità per questi reparti e ancora una volta il sistema sanitario regionale messo in piedi da De Luca si fa trovare impreparato - spiega Ciampi- Ne pagano le conseguenze gli utenti delle strutture pubbliche, dei pronto soccorso in particolare. Ma anche gli operatori sono messi a serio rischio: la disorganizzazione genera un clima favorevole alle aggressioni. I medici e gli infermieri sono in trincea, abbandonati a sé stessi. Mancano i piani per la gestione del sovraffollamento e la Regione non ha adeguato le strutture per il triage intraospedaliero e l'osservazione breve intensiva”, ha concluso.

L'annuncio di Ciampi

“Ho chiesto alla Giunta se intenda avviare le procedure per riorganizzare i pronto soccorso secondo le linee guida nazionali e se vi sia un monitoraggio sulle condizioni di questi reparti ormai allo sbando, come più volte denunciato da medici, infermieri e utenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Code di ambulanze al Ruggi, Tommasetti (Lega): “Inaccettabili”

SalernoToday è in caricamento