"Ti faccio fare la fine peggio di Cucchi!": presunte minacce al referente del centro Jan Assen

Secondo il racconto di De Simone, un esponente della caserma di via Sant'Eremita lo avrebbe minacciato tirando in ballo Cucchi

Il post

Un post di denuncia che ha suscitato rabbia e perplessità, quello pubblicato su Facebook da Enzo De Simone, referente della parte culturale, informativo/ contro informativo dell’Associazione e del Centro Sociale Jan Assen di Salerno. Secondo il racconto di De Simone, un esponente della caserma di via Sant'Eremita lo avrebbe minacciato tirando in ballo Cucchi. Non risultano, tuttavia, conferme e notizie ufficiali sul caso che, intanto, sta circolando sui social, diventando virale.

Di seguito, il suo post pubblico

Cari compagni ed amici, sono sotto attacco! Come un delinquente sono stato caricato oggi su una macchina della Polizia a Piazza Malta per aver difeso il mio diritto a "non essere investito" da un vero delinquente "falco/poliziotto". Vi descrivo sommariamente la scena: 4 auto della polizia, 2 dei carabinieri e qualche "falchetto" volante! (c'era una donna ubriaca e bastava solo una autoambulanza che invece NON C'ERA) . Forse questo, anzi sicuramente, questo ha dato molto fastidio visto che i veri delinquenti non li prendono e per una ragazza ubriaca mobilitano Polizia, Carabinieri e... se c'era tempo anche l'Esercito! Cosa che garbatamente ho fatto notare!

Ovviamente questi ultimi, godendo della connivenza e della complicità dei "colleghi" pretendono di essere i padroni del mondo! L'episodio scatenante è di per se banale: io mi trovo ad attraversare la strada "Sulle strisce e su uno scivolo per passaggi disabili" e vengo investito da un delinquente, senza casco ed in moto proveniente dal marciapiede (non dalla strada ma addirittura dal marciapiede). Alle mie giuste rimostranze, questo delinquente (qualificatosi solo dopo due ore come appartenente alla Polizia), dopo che mi ero qualificato fornendo tutte le generalità, mi fa salire (con la complicità vergognosa e corporativa degli sbirri suoi complici in macchina accompagnandomi anche con la mano sulla testa). Oltre una serie di improperi che non vi racconto arrivati alla Caserma in via S. Eremita, mi mette nuovamente le mani addosso esclamando - che vergogna - "ti faccio fare la fine peggio di Cucchi". Alle mie urla - dopo una serie di violenze - intervengono alcuni suoi colleghi che - ingenuamente e stupidamente - cercano di coprirlo. E' vero che mi tolgono dalle grinfie di questo Falco/Idiota ma continua imperterrita la violenza verbale. Finalmente arriviamo, dopo lo spiazzo, agli uffici dove ribadisco i miei dati (NON C'E' BISOGNO DEL DOCUMENTO per Legge) ed infatti non lo consegno (lo consegnerò dopo solo per fare un favore) dove ribadisco la dinamica di quello accaduto. Trovo lo Sbirro/Buono - quello che secondo lui, dopo tanti anni di esperienza è convinto che ti può prendere per il culo - e sto al gioco. Il collega è sopra le righe.... il lavoro è stressante.... bisogna usare le maniere forti....

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per onestà, cosa che questi cialtroni non hanno avuto - gli comunico che tutta la vicenda (minacce comprese) è tutta registrata su un dittafono (cari amici mi proteggo sempre e faccio politica ed anche giornalismo fuori dalle righe da più di 30 anni). Il BUONO mi dice che deve sequestrarmi il dittafono e che poi potrà essere solo la Magistratura a poterlo leggere" a meno che non si cancellino i dati dall'ingresso alla Caserma in avanti! Sto al gioco. So benissimo che cancellerà tutto ma lo chiedo come conferma (tanto è tutto registrato). "Scusa ma mi lasci i dati prima della Caserma?" "Certamente!" Sono una persona che si occupa di informatica dal 94 (vedete voi quanti anni sono) ed arrivato alle mie postazioni trovo tutto cancellato. Ovviamente (è la parola di uno sbirro!) Cancellato? Forza ragazzi almeno imparate come si fa! Cancellato con un banale os windows? Suvvia! Conclusione i dati sono stati TUTTI recuperati e stoccati su cloud vari. Come se non bastasse ho inviato una mail a questi ignoranti (perchè sono veramente ignoranti dal punto di vista informatico) invitandoli a chiedere alla LORO Polizia Postale almeno le regole di base! sezpgprocura.tribunaleminorisalerno.sa@pecps.poliziadistato.it sezpolstrada.sa@pecps.poliziadistato.it La cosa più assurda e divertente è stata la proposta dello sbrirro buono di farmi accompagnare a casa! Mi ritiro a mani a terra ma farmi accompagnare da uno sbirro (nella sua natura anche falso e bugiardo) MAI e poi MAI. "Ti faccio fare la fine peggio di Cucchi!" VEDIAMO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento