Cronaca

"Tu al mio fianco non ti siedi": episodio razzista su un bus salernitano

Sull’autobus della linea 5 che va da via Ligea alla zona industriale di Salerno, un ragazzo tunisino di circa 30 anni, in possesso di un abbonamento, sarebbe stato redarguito da un passeggero

Un episodio di razzismo decisamente imbarazzante, quello raccontato dal quotidiano  La Città. Sull’autobus della linea 5 che va da via Ligea alla zona industriale di Salerno, un ragazzo tunisino di circa 30 anni sarebbe stato redarguito da un passeggero, mentre si stava sedendo: "Qui non ti puoi sedere mi dai fastidio – gli avrebbe detto l’anziano signore vicino di posto del giovane – tornatene al tuo paese che è meglio, vai va…".

Il fatto

L’anziano, non contento, avrebbe insistito: "Venite a comandare in Italia, jatevenn (andatevene ndr)". Il giovane extracomunitario all’inizio sarebbe rimasto in silenzio, ma poi avrebbe provato a dire la sua: "Io ho un regolare abbonamento di 40 euro ed ho il diritto di sedermi come tutti". Ma l’anziano signore balzando in piedi avrebbe iniziato ad inveire contro il giovane. Nel pullman nessuno tra i passeggeri sarebbe intervenuto. A placare gli animi, ci avrebbe pensato l'autista che, tuttavia, avrebbe detto al giovane straniero: "Devi portare rispetto a chi ha più anni di te". Tanta amarezza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tu al mio fianco non ti siedi": episodio razzista su un bus salernitano

SalernoToday è in caricamento