Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Cerca di ingoiare un "sasso" di eroina: salernitano salvato ed arrestato dalla Polfer

Il fatto è accaduto a Verona. Intimorito dalla presenza degli agenti del Settore Operativo Polizia Ferroviaria, impegnati in controlli di routine, l'uomo ha cercato di liberarsi di un sacchetto

Intimorito dalla presenza degli agenti del Settore Operativo Polizia Ferroviaria di Verona Porta Nuova, impegnati in controlli di routine, un salernitano ha cercato di liberarsi di un sacchetto.Ma la sua mossa non è sfuggita agli occhi delle forze dell'ordine: il 30enne, originario della nostra provincia, è stato così accompagnato negli uffici del Polfer per accertamenti più approfonditi e, credendo di non essere visto, ha inserito in bocca un piccolo oggetto cercando di ingoiarlo. Nonostante lui stesso opponesse resistenza, l'immediato intervento degli agenti ha permesso loro sia di recuperare l'oggetto, sia di salvare la vita all'uomo. Il sacchetto gettato, infatti, conteneva 34 grammi di eroina, mentre di altri 10 grammi dello stesso tipo di stupefacente era composto il "sasso" che aveva provato ad ingerire. 

Il salvataggio e l'arresto

Senza il provvidenziale intervento dei poliziotti le conseguenze per il giovane spacciatore sarebbero state estremamente nocive se non addirittura letali. L'arrestato è risultato essere C.M., originario della provincia di Salerno, con alle spalle numerosi precedenti e condanne penali. Il 30enne, residente in città, era già sottoposto all'obbligo di dimora con divieto di uscire nelle ore serali e notturne ed è stato anche denunciato per false dichiarazioni sulla identità personale, dopo aver cercato di fornire le generalità del fratello. Nella mattinata di mercoledì, in sede di udienza di convalida, a carico di C.M. è stata disposta la custodia cautelare in carcere, in attesa della celebrazione del processo.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerca di ingoiare un "sasso" di eroina: salernitano salvato ed arrestato dalla Polfer

SalernoToday è in caricamento