menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Striscione anti-Salvini rimosso, a Salerno: esposto contro gli agenti della Digos

Paoloni (Sap): "La Polizia di Stato serve appunto lo Stato, i cittadini e non questo o quel partito. Noi rispondiamo ad una sola bandiera, quella tricolore"

Presentato un esposto sull'operato degli agenti della Digos che, lo scorso 6 maggio, durante il comizio del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ordinarono la rimozione dello striscione con su scritto 'Questa Lega è una vergogna', in piazza Portanova, a Salerno. A denunciare l'azione degli agenti, Marco Giordano, giornalista e cittadino salernitano. Per quell'episodio risultano indagate due persone dalla Procura.

La precisazione

"La mia non è una crociata contro le forze dell'ordine o la polizia. Semplicemente voglio che venga fatta luce, nel bene e nel male. Voglio sapere se siamo di fronte a una deriva e questo serve anche alle istituzioni. È un invito per chiederci in che direzione stiamo andando", ha precisato Giordano. Intanto, sulla vicenda, è intervenuto Stefano Paoloni, segretario generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

Parla Paoloni

"Non serve mettere le mani avanti, dicendo di non essere contro le forze dell'ordine, quando per crucci di natura politica, pur di fare balzare il proprio dissenso agli onori delle cronache, si individua nella Polizia il capro espiatorio. La Polizia ha risposto a un ordine impartito e, dunque, ha fatto il suo dovere. I colleghi devono essere tenuti fuori da qualsiasi contrasto ideologico.

La Polizia di Stato serve appunto lo Stato, i cittadini e non questo o quel partito. Noi rispondiamo ad una sola bandiera, quella tricolore. Far passare il messaggio che la Polizia censuri i cittadini è pericoloso. I colleghi non possono andarci di mezzo, quando la questione è prettamente politica"
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento