Dipendenti minacciati sotto estorsione, arrestato ex colonnello di Nocera

Si tratta di un imprenditore, D.G.A le sue iniziali, che gestisce numerose attività della grande distribuzione in tutta la provincia di Salerno e, in particolare, nell'Agro nocerino sarnese

L’amministratore unico di una società che gestisce diverse supermercati nella provincia di Salerno e, in particolare, nell’Agro nocerino sarnese, D.G.A le sue iniziali, è stato arrestato, questa mattina, perché, con minacce di ritorsioni e licenziamento, intimidiva i suoi stessi dipendenti. L'uomo, in passato, è stato anche colonnello nell'Esercito.

Le minacce

L’indagine, coordinata dal sostituto procuratore di Nocera Inferiore Angelo Rubano, in collaborazione la stazione dei carabinieri di Nocera Superiore e con la Guardia di Finanza della sezione P.G. della Procura, ha scoperto che molti dipendenti venivano costretti ad accettare condizioni di lavoro illegittime rispetto al proprio contratto di lavoro, una retribuzione inferiore rispetto al lavoro prestato, a rinunciare a permessi e riposi, ma anche a sottoscrivere quietanze liberatorie con le quali dichiaravano di rinunciare ai crediti di lavoro maturati e non corrisposti. Non solo. Ma spesso l’imprenditore li obbligava a vendere pietanze da asporto preparate con alimenti scaduti e non idonei al consumo, come carne annerita e maleodorante, poi “corretta” con l’aggiunta di additivi, pasta contenente blatte, frutta ed ortaggi marci. Grazie alle estorsioni compiute, l’uomo era riuscito a crearsi un "profitto" in denaro di 1.704.354.39 euro, che gli è stato sequestrato dalle forze dell’ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comunicato

Sulla vicenda si registra, nel frattempo, il comunicato stampa diffuso dall’Amministratore delegato di AP Commerciale srl, proprietaria del brand Sole365, che pubblichiamo di seguito. "L’Amministratore delegato di AP Commerciale srl, proprietaria del brand Sole365Michele Apuzzo, comunica che quanto accaduto al punto vendita di Sole365 di Nocera inferiore, non rientra nella responsabilità di AP Commerciale srl, poiché trattasi di un punto vendita gestito da un affiliato, che della propria condotta darà conto in altre sedi. La società AP Commerciale srl si riserva ogni diritto di richiesta di risarcimento dei danni, patiti e patiendi, erga omnes, nel caso di notizie false, inesatte o tendenziose, volte a minacciare la reputazione del brand Sole365. Si ribadisce che non esiste un “patron” di Sole365 e che l’utilizzo di tale termine danneggia l’immagine e la reputazione della società. Gli affiliati rispondono in prima persona dei propri comportamenti, in particolare se illegali. Pertanto, poiché è in corso un’indagine, fiduciosi nel lavoro degli inquirenti, forze dell’ordine e magistratura, attendiamo gli esiti della attività investigative, riservandoci eventuali azioni civili e penali, allorquando saranno state chiarite le responsabilità".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Covid-19, De Luca firma l'ordinanza: movida di nuovo sotto controllo

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Test sierologici gratuiti per Covid-19 e Epatite C: l'iniziativa a Salerno

  • Il maltempo mette in ginocchio la provincia: scattano evacuazioni a Sarno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento