rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca

Detenuto positivo al Covid fugge dal Ruggi: ritrovato. La Uilpa: "Assumere nuovi agenti e migliorarne l'equipaggiamento"

Il 31enne ha prima scavalcato una finestra interna e poi è riuscito a dirigersi verso l’uscita. Lo ha reso noto Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria

Tensione nella notte a Salerno: dopo la mezzanotte, un detenuto iracheno ristretto nel carcere di Fuorni, positivo al Covid-19, era stato condotto al pronto soccorso dell’ospedale cittadino per una visita urgente, ma, mentre era in procinto di essere sottoposto ad un esame, nonostante le manette ai polsi, si è dato alla fuga. Il 31enne ha prima scavalcato una finestra interna e poi è riuscito a dirigersi verso l’uscita. Lo ha reso noto Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria. Immediatamente sulle sue tracce, tre agenti, ma il detenuto era riuscito a far perdere le proprie tracce. Circa due ore dopo, l’evaso è stato rintracciato dalla stessa Polizia penitenziaria e, dopo una colluttazione, riconsegnato alla giustizia. Un poliziotto penitenziario durante l’inseguimento ha riportato traumi alla spalla e al ginocchio “L’episodio, sebbene in questo caso prontamente risolto grazie alla tempestività dell’inseguimento e alla professionalità degli appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria coinvolti, ripropone i problemi della sicurezza della gestione della detenzione e della sanità carceraria che continuano a non essere efficacemente affrontati né a livello politico né a livello amministrativo. Nelle ultime settimane, peraltro, si sta assistendo a un certo valzer delle poltrone al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (DAP), ma a prescindere dalle qualità, competenza, capacità ed esperienza degli interpreti per ora lo spettacolo rimane immutato e non è certamente tale da meritare applausi”, ha osservato il segretario della Uilpa.

La denuncia

“Questo, per esempio, potrebbe essere indicato come uno dei casi di scuola circa l’utilità della dotazione del taser anche per la Polizia penitenziaria, che però è la sola forza dell’ordine che continua a restarne sprovvista, come peraltro lo è anche dell’equipaggiamento più banale, nella sostanziale indifferenza generale. Sia ben chiaro, non chiediamo e, anzi, riterremmo inutile e persino pericolosa e controproducente la disponibilità della pistola a impulsi elettrici nelle carceri. Nondimeno, pensiamo che sarebbe utilissima se non indispensabile in altri servizi espletati dal Corpo di polizia penitenziaria e del tutto assimilabili a quelli disimpegnati dalle forze di polizia a competenza generale, fra i quali, appunto, quello delle traduzioni e dei piantonamenti dei detenuti”, aggiunge il sindacalista.

L'appello

“Ribadiamo che la sicurezza delle carceri e, più in generale, della gestione di coloro che sono sottoposti a misure detentive è allo sbando e che nulla di tangibile si sta facendo per invertire il trend in progressivo peggioramento.

Occorrono reali assunzioni straordinarie per rinforzare gli organici della Polizia penitenziaria, mancanti di 18mila unità, servono equipaggiamenti e moderna strumentazione tecnologica, ma sono anche indispensabili la reingegnerizzazione dell’intero sistema d’esecuzione penale, la rifondazione del DAP e la riorganizzazione del Corpo di polizia penitenziaria”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto positivo al Covid fugge dal Ruggi: ritrovato. La Uilpa: "Assumere nuovi agenti e migliorarne l'equipaggiamento"

SalernoToday è in caricamento