menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Eboli, falsi certificati agli stranieri per farli votare al Pd: blitz dei Ros

L'ex dipendente comunale, con il romeno L. B. portava voti alle primarie Pd regionali e nazionali in cambio di certificati di residenza falsi per far lavorare le donne romene nei campi. Interviene la Cgil

Blitz dei carabinieri del Ros, nella provincia di Salerno: eseguita un'ordinanza di custodia cautelare, emessa su richiesta della locale Procura distrettuale antimafia, nei confronti di 9 indagati per associazione per delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e riduzione in schiavitù, nonchè ricettazione, corruzione, estorsione ed altro.

Nel mirino della Procura che aveva avviato le indagini dal 2013, un'organizzazione transnazionale multietnica dedita alla tratta di cittadine romene da sfruttare in aziende agricole della piana del Sele. Sono stati documentati anche i rapporti del sodalizio con un funzionario del comune di Eboli che facilitava il rilascio dei documenti per la regolarizzazione delle vittime. Si tratta di G. M., ex dipendente comunale in pensione. Nei guai anche E. V., titolare del camping Miceli di Eboli. L'indagine, a quanto si è appreso, è partita  dalla Romania e sarebbe stata realizzata con l'aiuto dell'Interpol. L'ex dipendente comunale, come riporta Il Corriere, con il romeno L. B.  avrebbe portato voti alle primarie Pd regionali e nazionali in cambio di certificati di residenza falsi per far lavorare le donne romene nei campi. In altre parole, tali certificati di residenza per stranieri sarebbero stati finalizzati a farli votare alle primarie del Pd.

Le indagini:

L'attività partita dalle denunce di alcune operaie riuscite a tornare in Patria, ha consentito di di ricostruire tutte le fasi della tratta. E' emerso come, prospettando alle vittime la possibilità di un impiego in Italia, le malcapitate si trasferissero nel nostro Paese, ma una volta giunte nella nostra provincia, venivano consegnate a L.B. e L.M.R., coppia che le faceva alloggiare presso il camping Miceli gestito dall'italiano E.V, La struttura era in stato di abbandono e usata per accogliere le straniere in stanze fatiscenti: qui le vittime si rendevano conto della truffa. Non venivano impiegate come promesso nelle aziende conserviere, bensì avviate al lavoro nei campi. All'organizzazione era affiliata anche la romena E.D., giunta inizialmente come lavorante e poi divenuta amante dell'italiano E.V.: attraverso il passaparola e i social network, nonchè affissioni pubblicitarie si era resa utile per il reclutamento delle lavoratrici. Le vittime, una volta nelle mani degli sfruttatori, subivano violenze e minacce: venivano loro sottratti i documenti di identità, per non farle fuggire. Inoltre erano costrette a versare canoni per l'alloggio ed il trasporto sul luogo di lavoro e venivano loro estorte somme di denaro per ottenere i documenti italiani. Ancora, sui compensi destinati alle lavoratrici da parte degli indagati veniva anche trattenuta una quota. Nel corso delle indagini, nel 2014, il camping Miceli è stato tra l'altro sottoposto a sequestro: E.V. fu anche tratto in arresto per furto di energia elettrica. Intanto l'ex capo dell'area del settore demografico del Comune di Eboli, in cambio di favori, facilitava i tempi burocratici di rilascio dei documenti d'identità, dei codici fiscali e delle tessere sanitarie delle lavoratrici. E' emerso che lo stesso ex dipendente considerasse i lavoratori in questione quale serbatoio elettorale per una sua eventuale futura candidatura. Infine, a margine dell'operazione, è stata accertata la responsabilità di alcuni lavoratori circa la ricettazione di carburante di illecita provenienza, sempre con la collaborazione di E.V. che, insieme ai nord africani, nascondeva il prodotto nei capannoni del camping e lo rivendeva sul posto agli acquirenti.

Il commento:

"Non possiamo che essere soddisfatti dell’indagine portata a termine che, secondo noi, andrebbe estesa a tutto il comparto agricolo, in quanto questa attività criminale non interessa soltanto i lavoratori di nazionalità rumena, ma anche le altre impiegate nel settore primario (marocchina, ucraina, indiana). Assicurare alla giustizia i caporali e ripristinare la legalità nel comparto agricolo deve essere l’obiettivo di tutta la comunità per liberare i lavoratori migranti dalla schiavitù e garantire i loro diritti di cittadinanza". Lo ha scritto in una nota Anselmo Botte, segretario della Cgil Salerno che ha sottolineato anche come dietro gli ingressi di braccianti c’è l’attività criminosa dei caporali etnici che ormai non si limitano più esclusivamente alla intermediazione di manodopera e allo sfruttamento lavorativo, ma gestiscono in prima persona gli ingressi di nuovi migranti dietro lauti compensi (6/7mila euro) e la riduzione in schiavitù attraverso il sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento