rotate-mobile
Cronaca Nocera Inferiore

Falso Picasso da Nocera a Dubai: imputato un collezionista salernitano

Si terrà lunedì 22 aprile, nel tribunale di Roma, l'udienza preliminare sulla vicenda delle trentasei opere di Picasso sequestrate nel gennaio 2018 a Salerno dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale e ritenute dalla Procura capitolina contraffatte

Si terrà lunedì 22 aprile, nel tribunale di Roma, l'udienza preliminare sulla vicenda delle trentasei opere di Picasso sequestrate nel gennaio 2018 a Salerno dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale e ritenute dalla Procura capitolina contraffatte: unico imputato il collezionista di Nocera Inferiore M.S, 77 anni, per il quale il pubblico ministero Santina Lionetti ha chiesto il rinvio a giudizio contestando i reati di detenzione di opere contraffatte e ricettazione.

Le accuse

Trentasei quadri, un numero sufficiente per allestire una piccola galleria d'arte, che M.S (difeso dagli avvocati Salvatore Nocera e Giuseppe Spagnuolo) possiede da sempre, ereditati dal padre. I fatti sono venuti alla luce alla fine del 2017, perché il collezionista salernitano voleva vendere un quadro a Dubai, e per esportarlo ha chiesto l'autorizzazione al Ministero della Cultura, che a sua volta ha richiesto un parere circa la genuinità dell'opera alla Fondazione Picasso, secondo cui però il quadro era un falso, con firma apocrifa del grande pittore. Sono così arrivati i carabinieri, che hanno trovato una vera e propria collezione a casa di M.S, e l'hanno sequestrata

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falso Picasso da Nocera a Dubai: imputato un collezionista salernitano

SalernoToday è in caricamento