Fase 2, arriva da Agropoli la prima mascherina in silicone riutilizzabile

L'idea è nata da un gruppo di giovani che animano l’esperienza alla "CSP Italy": Stefano Cammarano, Emilio Malandrino , Paolo Malandrino, Pasquale Lopardi, Raffaelle Lopardi, Maria Malandrino e Rinalda Cammarano

Nasce la mascherina “IMHOTEP”, la prima mascherina 100% in bio silicone riutilizzabile con filtri intercambiabili. È una idea nata da un gruppo di giovani della provincia di Salerno, di Agropoli in particolare. Intelligenze del Sud che animano l’esperienza alla "CSP Italy", Stefano Cammarano, Emilio Malandrino , Paolo Malandrino, Pasquale Lopardi, Raffaelle Lopardi, Maria Malandrino e Rinalda Cammarano.

L'iniziativa

Le conoscenze di un gruppo di ragazzi, maturate presso l’Università degli Studi di Salerno, hanno fornito una prima soluzione: dall’utilizzo esperto della tecnologia a stampa 3D, favorito dalla rapida prototipazione che si porta in dote, nasce l’originale mascherina. La novità targata Sud e giovani racconta della prima mascherina riutilizzabile, grazie a pratici filtri intercambiabili che rappresentano  il cuore pulsante di IMHOTEP Imhotep e il segreto della sua durabilità. Il dispositivo e’ più sicuro di altri, pratico. Non appanna ed è più leggero. La morbidezza è, infatti, garantita dalla struttura al 100% in silicone, evita definitivamente solchi sul viso.

Il progetto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

Torna su
SalernoToday è in caricamento