rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Cronaca

Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: coinvolta una consulente salernitana

L’indagine, avviata nel 2014 ha permesso di scoprire un sodalizio orchestrato da un imprenditore veronese, titolare di una ditta operante nel settore della lavorazione dei metalli, risultata totalmente inesistente

Coinvolge la provincia di Salerno, l'inchiesta della Finanza di Verona, svolta in collaborazione con la polizia e il personale ispettivo dell'Inps, grazie alla quale è stata sgominata un’organizzazione criminale che consentiva adi extracomunitari di ottenere o rinnovare, dietro pagamenti in denaro, il permesso di soggiorno attraverso falsi contratti di lavoro. I componenti della banda sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Verona per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

L’indagine, avviata nel 2014 ha permesso di scoprire un sodalizio orchestrato da un imprenditore veronese, titolare di una ditta operante nel settore della lavorazione dei metalli, risultata totalmente inesistente. L’imprenditore si avvaleva della collaborazione di una consulente del lavoro operante nel salernitano che si occupava della redazione della falsa documentazione e di un cittadino nigeriano che aveva il compito di reperire gli stranieri da mettere in regola. Ogni lavoratore pagava una somma di denaro variabile tra i 200 ed i 750 euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: coinvolta una consulente salernitana

SalernoToday è in caricamento