Cronaca

Choc ad Eboli: uomo legato e ferito, è grave

Immediati i soccorsi, sul posto è giunta l'Humanitas con il proprio Saut di Eboli. Allertata per arresto cardiaco, scena raccapricciante: stanza piena di sangue, l'uomo raggiunto da diversi fendenti al corpo

Un regolamento di conti potrebbe essere la causa del pestaggio di un uomo di Eboli, Aniello Langella, 43 anni, ex direttore sportivo del Savoia. E' stato trovato in casa legato e ferito, trasportato all'ospedale in gravi condizioni, in codice rosso. Immediati i soccorsi, sul posto è giunta l'Humanitas con il proprio Saut di Eboli. Allertati per arresto cardiaco, i soccorritori, che hanno dovuto praticare triplo accesso venoso, si sono trovati al cospetto di una scena raccapricciante: stanza piena di sangue, l'uomo raggiunto da diversi fendenti al corpo.

Aggiornamenti

La pista battita dagli inquirenti conduce ad un regolamento di conti: è questa l'ipotesi più accredita. Nell'abitazione dell'uomo, ubicata in Corso Umberto I, i sanitari e poi le forze dell'ordine hanno, infatti, trovato tutto rotto ed a soqquadro. Sangue ovunque, fino ad arrivare in cucina. Langella era a terra, riverso in una pozza di sangue, con i polsi ancora legati. Trovato su una sedia imbavagliato. Volto tumefatto, irriconoscibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Choc ad Eboli: uomo legato e ferito, è grave

SalernoToday è in caricamento