menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

File interminabili per ritirare la pensione: l'ira della Cisl

Il segretario Dell'Isola: "Qui si continua a ignorare totalmente le lamentele, i disagi dei cittadini per il cattivo funzionamento di alcune sedi postali della città capoluogo e in provincia come a Cava"

In coda per ore, aspettando di poter ritirare la pensione. E’ successo anche a Cava de’ Tirreni nei giorni scorsi. A ogni inizio del mese si ripete il disservizio per anziani e non presso alcuni degli uffici postali della provincia di Salerno, dove non c’è un numero adeguato di posti a sedere, i contanti sufficienti per pagare le pensioni e soprattutto in molti uffici mancano le macchinette elimina-code e le sedie per attendere il proprio turno. Nonostante le proteste dei mesi scorsi e gli impegni presi dalla dirigenza salernitana di Poste Italiane, nulla sarebbe cambiato e allora la Fnp Cisl Salerno torna a far sentire la sua voce dopo l’ennesimo episodio.

Lo scopo è quello di denunciare un problema ormai annoso e di sollecitare soluzioni, per evitare che quanto accaduto a Cava de’ Tirreni non si ripeta più. "Qui si continua a ignorare totalmente le lamentele, i disagi dei cittadini per il cattivo funzionamento di alcune sedi postali della città capoluogo e in provincia come a Cava de’ Tirreni" denuncia Giovanni Dell’Isola, segretario della Fnp Cisl Salerno, che aggiunge: "File interminabili in alcuni periodi del mese, che rappresentano un notevole disservizio per la popolazione e un vero calvario per gli anziani che durante i giorni di pagamento delle pensioni sono costretti a restare in piedi per ore".

Il sindacato per questo rilancia la necessità di installare i distributori di numeri in tutte le sedi per smaltire meglio le code e le attese. "Le numerose richieste presentate dalla Fnp Cisl Salerno per il potenziamento degli uffici e dell’organico, oltre che il prolungamento dell’orario anche al pomeriggio e installazione di un sistema di elimina-code e di adeguati posti a sedere per attendere il proprio turno. E’ necessario avere anche i soldi necessari per far fronte al pagamento delle pensioni, devono trovare concreta soluzione. Purtroppo ad oggi non è cambiato nulla, nonostante le numerose denunce e sollecitazioni del sindacato pensionati della Cisl. Continuano le file interminabili, vero supplizio per gli anziani. E in questa settimana, con l’arrivo delle festivitànatalizie, si rischia il collasso e l’accentuazione delle difficoltàche per gli anziani, in alcuni casi, diventano ostacoli insormontabili conclude Dell'Isola.
 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento