Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

“Non c’è festa senza lavoro": il flash mob di Fratelli d'Italia in piazza Portanova

I militanti di Fdi e i dirigenti si sono ritrovati, questa mattina, in piazza Portanova, davanti a serrande chiuse di negozi del centro storico colpiti dalla crisi, per dar vita ad un flash mob a sostegno delle categorie economiche più penalizzate

Fratelli d’Italia di Salerno aderisce alla manifestazione nazionale “Non c’è festa senza lavoro. Dalla parte delle categorie dimenticate dal Governo”, promossa dal Dipartimento Lavoro del partito in tutte le province. I militanti di Fdi e i dirigenti si sono ritrovati, questa mattina, in piazza Portanova, davanti a serrande chiuse di negozi del centro storico colpiti dalla crisi, per dar vita ad un flash mob a sostegno delle categorie economiche più penalizzate. All’iniziativa hanno partecipato, tra gli altri, il commissario provinciale Giuseppe Fabbricatore, il consigliere comunale Piero Damiano Stasi, la portavoce cittadina Elena Criscuolo, la dirigente nazionale Imma Vietri, il vice coordinatore provinciale Gherardo Marenghi, il dirigente e il responsabile cittadino di Gioventù nazionale Paolo Caroccia e Gerardo Tafuri.

Parla il vice coordinatore provinciale Marenghi

"Ogni giorno ci viene riportato un bollettino con le cifre della pandemia, ma ci sono altri numeri che il Governo sembra ignorare. Sono quelli delle ripercussioni che l’emergenza Covid-19 ha avuto sul nostro tessuto lavorativo: il -4,1% del crollo dell’occupazione rispetto a febbraio 2020, il +5,4 dell’aumento di inattivi tra i 15 e i 64 anni e il -14,8% di partite Iva che registra la chiusura di 390mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi".

Tafuri incalza

"Altri numeri mostrano in quale direzione la crisi abbia colpito in maniera forte. L’occupazione femminile ha registrato un calo di 402mila posti. Da febbraio a oggi, inoltre, hanno perso il posto di lavoro ben 159mila ragazzi tra i 15 e i 24 anni, aggravando la situazione dell’occupazione giovanile per la quale l’Italia era già in grave ritardo rispetto all’Europa"

Parlano il consigliere comunale Stasi e la portavoce cittadina Criscuolo

La scelta di tenere questa manifestazione nel centro storico della città ha un valore fortemente simbolico. Qui la crisi economica seguita alla pandemia ha il volto delle saracinesche abbassate delle tante attività commerciali e artigianali che hanno dovuto chiudere. Il centro storico, inoltre, è uno dei principali attrattori turistici di Salerno e vogliamo evidenziare come proprio il turismo rappresenti uno dei comparti più penalizzati». Penalizzato al punto da diventare, insieme ad altri settori economici, una sorta di fantasma.

«Nel turismo si è verificato un calo di fatturato che sfiora il 90% con 13,5 miliardi di euro bruciati. Lo stesso discorso vale per l’intrattenimento, la ristorazione e il comparto delle palestre e del tempo libero. Anche qui ci sono cifre – ha affermato la dirigente Vietri – che fanno tremare le vene ai polsi. Penso alle produzioni culturali: dal settore cinematografico a quello teatrale, le perdite registrate superano il 70%, per arrivare addirittura all’83,19% del settore dei concerti. Si tratta di attività che danno lavoro a migliaia di famiglie, le quali ormai da oltre un anno vivono in condizioni di grave difficoltà.


"L’Italia non ha bisogno di misure di cui non si comprende la ratio e meno ancora l’efficacia, come il coprifuoco – ha concluso Fabbricatore – L’Italia ha bisogno di tornare a lavorare e di poterlo fare in sicurezza. Fratelli d’Italia è sempre stata al fianco delle imprese, delle partite Iva e dei tanti lavoratori colpiti duramente da questa crisi e spesso ignorati o mortificati dal Governo con ristori inadeguati ed erogati con grave ritardo. L’Italia deve ripartire e deve ripartire dal lavoro".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Non c’è festa senza lavoro": il flash mob di Fratelli d'Italia in piazza Portanova

SalernoToday è in caricamento