menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Fonderie Pisano: 4 condanne, esultano Codacons e Associazione Salute e Vita

Forte (Comitato Salute e Vita): "Aspettiamo di leggere le motivazioni sia sulla condanna che sull'assoluzione, ma sottolineiamo il fatto che, questa di oggi, è l'ennesima conferma che le fonderie Pisano inquinano ed avvelenano l'ambiente"

Colpevoli, Guido, Renato, Ciro e Ugo Pisano: lo ha stabilito oggi il gup Maria Zambrano. Gli imputati dovranno versare 11mila euro di ammenda, per aver gestito e smaltito illecitamente  rifiuti  speciali, pericolosi  e  non,  tra  cuipolveri  e  particolato, materiali  ferrosi,  fanghi  da trattamento di acque refluee.

Oltre all'ammenda dovuta all’applicazione del rito abbreviato e alla  concessione  delle circostanze  attenuanti  generiche, gli accusati sono  stati  condannati in  favore  del Codacons alrisarcimento  del  danno da  liquidarsi  in separata  sede,  al  pagamento  di una  provvisionale immediatamente esecutiva nonché alla refusione delle spese processuali.

Parla il vicesegretario del Codacons, Matteo Marchetti:

"Questa  è  certamente  la  prima  condanna  in materia ambientale a carico dei Pisano: si tratta di una sentenza di primo grado, quindi appellabile e siamo in  attesa  di  leggere  le  motivazioni  che  arriveranno  tra  90  giorni. Ci auguriamo che questa  sentenza  sia da monito a  tutte  le  imprese  che  inquinano  e  riteniamo  che  sia  un  primo  importante  passo  di  una  rinnovata coscienza ambientale esistente in città e speriamo in tutta la Campania.

Confidiamo, in attesa di leggere le motivazioni,che ci siano ampi margini da parte della Procura di appellare la sentenza, come associazione siamo soddisfatti perché le condanne in nostro favore sono un riconoscimento del lavoro svolto in questi anni. Ricordiamo che le indagini che hanno portato a questo processo sono partite anche sulla base delle nostre denunce”.

Il Tribunale di Salerno ha, dunque, riconosciuto il risarcimento del danno in favore del Ministero dell'Ambiente e delle associazioni ambientaliste costituite ed anche il diritto al pagamento di una provvisionale, nonché al risarcimento delle spese legali di giustizia sostenute.

"È una sentenza di cui abbiamo avuto solo il dispositivo, le motivazioni si conosceranno entro novanta giorni e vedremo se la Procura valuterà di proporre appello avverso la decisione", incalza il legale dell'associazione Salute e Vita, l'avvocato Fabio Torluccio. 

Parla il presidente del Comitato Salute e Vita, Lorenzo Forte:

"La condanna, oggi, nei confronti dei Pisano per reati ambientali comunque molto gravi, come quello dello smaltimento di rifiuti speciali, non fa altro che confermare la condotta scellerata tenuta negli anni da questa fabbrica, a danno della popolazione della Valle dell’Irno e non solo. Non siamo pienamente soddisfatti perché, per alcuni reati, sono stati assolti ed invece ci aspettavamo che venissero condannati per tutti i capi di imputazione, ma comunque lo smaltimento illecito di rifiuti non è certo un reato di poco conto e, soprattutto, è già rintracciabile in altre precedenti condanne a loro carico.  Aspettiamo di leggere le motivazioni sia sulla condanna che sull'assoluzione, ma sottolineiamo il fatto che, questa di oggi, è l'ennesima conferma che le fonderie Pisano inquinano ed avvelenano l'ambiente e rendono infernale la vita dei cittadini.

Auspichiamo che, alla lettura delle motivazioni, la Procura faccia ricorso in appello, affinché il diritto alla salute, sancito dall'articolo 32 della Costituzione, venga rispettato anche nella Valle dell'Irno. Ringraziamo profondamente, dal cuore, a nome dell'Associazione e di tutti i cittadini che quotidianamente ci segnalano l'odore nausabondo e le polveri sottili provenienti dalla fonderia, il nostro avvocato Fabio Torluccio, che ha seguito i Comuni e le Associazioni. Non è un giorno di giustizia per la popolazione perché non è giustizia piena, ma è la conferma di quanto, l'Associazione ed il Comitato Salute e Vita, denunciano da decenni. Non ci fermiamo, andremo avanti per ottenere giustizia piena e per far emergere tutta la verità. Questa è solo una tappa, una piccola vittoria di una lunga battaglia che terminerà solo quando verrà fuori tutta la verità su ciò che hanno compiuto i Pisano".

La reazione della proprietà

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento