Covid-19, i residenti scrivono a Conte: "Le Fonderie Pisano sono chiuse?"

Il Comitato e l’Associazione “Salute e Vita” di Salerno hanno inviato un esposto alle istituzioni locali e nazionali dopo l'entrata in vigore del nuovo decreto restrittivo

Il Comitato e l’Associazione “Salute e Vita” di Salerno, dopo il decreto del 22 marzo scorso del presidente del consiglio Giuseppe Conte, sulla chiusura fino al prossimo 3 aprile delle fabbriche del Paese, “ad eccezione di quelle strategiche” per affrontare l’emergenza sanitaria in atto, hanno inviato un esposto alle istituzioni locali e nazionali, responsabili della salute pubblica e della pubblica sicurezza, di sapere ufficialmente “se, come supponiamo dopo la lettura del decreto, le Fonderie Pisano sono state chiuse, considerando che nell'elenco, le acciaierie e gli opifici che fondono ferro, non sono inclusi nelle fabbriche che producono beni primari”.

L’esposto

Il documento è stato inviato, fra gli altri, al premier Conte, al sindaco Napoli, al presidente della Regione De Luca, alla Protezione Civile, al Ministero della Salute. E, per conoscenza, anche alla Procura e ai carabinieri di Salerno. Il presidente Lorenzo Forte denuncia che, nei giorni successivi all’entrata in vigore del decreto, sono giunte “numerose segnalazioni che evidenziavano che la fabbrica era aperta, il parcheggio pieno e gli operai erano in attività con lo spostamento di materiali e mezzi negli spazi esterni dei capannoni, facendo intendere una normale attività, pertanto teoricamente esposti al contagio”. Stessa situazione si sarebbe verificata in mattinata “addirittura con immissione di strani fumi in atmosfera come da foto, che ci rafforza il dubbio della inspiegabile continuità dell’attività dell’azienda”. Di qui la stoccata: "Siamo indignati perché non vi è alcun dubbio sulla non essenzialità delle produzioni delle Fonderie Pisano, a nostro giudizio ma anche oggettivamente, in quanto operativi nel campo della produzione di ghisa di seconda fusione e, al pari di molte altre realtà industriali del  Paese, sarebbero obbligate a chiudere i battenti almeno fino al prossimo 3 aprile. Chiediamo inoltre di sapere se hanno inviato richiesta al Prefetto dichiarandosi attività produttrice di beni essenziali, prendendo in tal modo ulteriormente tempo, in quanto la normativa prevede che, finché il Prefetto non risponde, le attività possono restare aperte".    

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le denunce:

Considerando che finora hanno avuto una condotta sanzionatoria, sin dal 2004 e certificata almeno fino ad ottobre 2018, quando lo stesso TAR di Salerno confermò la sospensione dell’AIA dopo che i controlli dell'ARPAC effettuati nell’estate avevano registrato un “pericolo esiziale”, ovvero mortale, per i lavoratori e la popolazione viciniora, e premettendo che hanno dimostrato, negli anni, di aver sistematicamente violato le norme, come cittadini e come Comitato ed Associazione chiediamo di sapere se sono state chiuse e, in caso contrario, le motivazioni. Molte sono le evidenze scientifiche, negli anni passati ma anche nelle ultimissime settimane, che dimostrano che le polveri sottili e le nanopolveri favoriscono infezioni, polmoniti ed altre problematiche respiratorie. Anche per il Covid-19 vari studi, tra cui quelli che Vi abbiamo già inviato in data 21 marzo, determinano che l'inquinamento atmosferico è un veicolo fondamentale per una veloce diffusione del virus, e le Fonderie Pisano negli anni hanno sistematicamente immesso in atmosfera polveri sottili e non solo, violando e non applicando sistematicamente le BAT (le migliori tecnologie) per abbattere gli inquinanti.  Pertanto, se l’opificio è ancora in attività, ci appelliamo all’articolo 32 della Costituzione, “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività”, e chiediamo al Sindaco e al Presidente della Regione Campania un'ordinanza di immediata chiusura, sia in attuazione del principio di precauzione previsto dal diritto comunitario europeo, che permette di agire rapidamente di fronte ad un possibile pericolo per la salute umana, sia anche in virtù delle evidenze scientifiche sopra citate. Ricordiamo che già 150 famiglie dei Comuni di Salerno, Baronissi e Pellezzano, più di un anno fa, hanno presentato un ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo a Strasburgo nei confronti delle Istituzioni che non hanno tutelato la nostra salute, e pertanto, se le Fonderie Pisano continueranno  la loro attività, cosa su cui speriamo vivamente di sbagliarci, invieremo anche la documentazione in oggetto alla Corte Europea dei diritti dell’uomo, in aggiunta al ricorso già presentato, denunciando tale atto di irresponsabilità da parte delle Istituzioni locali e nazionale, che continuerebbero  un vero e proprio attentato alla salute pubblica degli abitanti della Valle dell'Irno. Auspichiamo, dunque, la loro chiusura, ed inviamo pertanto questa lettera in maniera precauzionale, chiedendo alle Istituzioni una risposta immediata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Covid-19: in aumento i positivi in Campania, 23 nuovi contagi

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento