rotate-mobile
Cronaca

Fonderie Pisano, il Comitato Salute e Vita: "Ennesimo giorno di aria irrespirabile, fumi non filtrati"

Il Comitato rivolge un appello accorato alle istituzioni

Nuove testimonianze di fumi non filtrati e un ennesimo giorno di aria irrespirabile, ieri, 5 giugno: a denunciarlo, l'associazione Salute e Vita a cui alle ore 8.15 di mercoledì sono pervenute denunce relative all’attività delle Fonderie Pisano. "Ancora una volta le Fonderie Pisano liberano i fumi di scarico da ogni parte fuorché i camini dello stabilimento preposti al filtraggio. - scrive il presidente del Comitato, Lorenzo Forte -  Il risultato è l’ennesimo giorno contraddistinto dai miasmi nauseabondi provenienti dalle Fonderie Pisano  (l'odore è sempre quello acre inconfondibile di quando questa fabbrica è in piena attività, che causa bruciore agli occhi e alla gola) e dalle lamentele dei cittadini, ancora una volta non ascoltate. Ricordando che nel 2018 l'Arpac scrisse che i fumi prodotti dalle Fonderie Pisano rappresentavano un pericolo esiziale, dunque mortale per i lavoratori e la popolazione viciniori, perché non filtrati dai camini e contenenti tutte le polveri velenose ed i metalli pesanti, appare ancora tangibile il pericolo per il territorio in quanto le dinamiche non sembrerebbero mutate, ma anzi ancora radicate nel modus operandi dello stabilimento".

L'appello dell'associazione Salute e Vita alle istituzioni

Chiediamo che l'Arpac, la Procura di Salerno, l'Asl di Salerno, il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri di Salerno, il Sindaco Vincenzo Napoli, l'ufficio Regione Campania Autorizzazioni ambientali e rifiuti Salerno, con un intervento immediato, tutelino la salute dei cittadini e degli stessi operai, ponendo fine a queste dinamiche illecite che rischiano di mettere in pericolo ancora una volta la vita e l’ambiente.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fonderie Pisano, il Comitato Salute e Vita: "Ennesimo giorno di aria irrespirabile, fumi non filtrati"

SalernoToday è in caricamento