rotate-mobile
Cronaca Fratte Calcedonia / Via dei Greci

Fonderie Pisano: il Ministero dell'Ambiente si costituisce parte civile

L'udienza è stata rinviata al 21 dicembre per alcune eccezioni sollevate dai legali della difesa in merito alle costituzioni di parti civili. In seguito si dovrebbe procedere al dibattimento

Il Ministero dell'Ambiente ha chiesto di costituirsi parte civile nel processo penale contro le Fonderie Pisano. Ad annunciarlo, parlando di vittoria storica, sono stati il Comitato e l'Associazione Salute e Vita: "Ringraziamo la rappresentanza parlamentare che ha sostenuto la richiesta di incontro al Ministero con il Comitato e ringraziamo il ministro Costa che con la sua sensibilità ha voluto dimostrare oggi, con l’avvocatura dello Stato, che lo Stato è vicino ai cittadini e contro chi inquina".

Le altre istituzioni

Il Comune di Pellezzano è un'altra istituzione costituitasi parte civile mentre fa discutere l'assenza dei Comuni di Baronissi, di Salerno e della Regione Campania. "Il Comune di Pellezzano dimostra una grande attenzione sul tema della tutela dell’ambiente e del proprio territorio - hanno commentato dal Comitato - Diversamente risultano assenti ingiustificati nella costituzione di parte civile il comune di Baronissi e la Regione Campania che sollecitiamo a costituirsi nella prossima udienza del 21 Dicembre per dimostrare di essere accanto alla popolazione ed agli stessi lavoratori. Il Comune di Salerno procrastina un atteggiamento omertoso in merito a questa annosa vicenda, di fatto non tutelando la salute dei cittadini, omissione grave che ci spinge ancora a sottolineare che il sindaco Napoli non è il nostro sindaco". Intanto l'udienza è stata rinviata al 21 dicembre per alcune eccezioni sollevate dai legali della difesa in merito alle costituzioni di parti civili. In seguito si dovrebbe procedere al dibattimento. Il comitato ha concluso con un appello a tutti i cittadini ed alle associazioni: "I numerosi cittadini e le associazioni che hanno fatto richiesta di costituzione di parte civile a tutela del loro diritto legittimo alla legalità sono invitate a presenziare in aula venerdì 21 Dicembre, per dire Si alla vita e Stop all’inquinamento dissennato nella Valle dell’Irno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fonderie Pisano: il Ministero dell'Ambiente si costituisce parte civile

SalernoToday è in caricamento