Fonderie Pisano, il Comitato Salute e Vita avvia una raccolta fondi per portare avanti la sua battaglia

Forte: "L'associazione Salute e Vita, da anni dalla parte dei cittadini, ha avviato una raccolta fondi per autofinanziare le proprie battaglie"

Ancora una volta dobbiamo difenderci da un vergognoso provvedimento emesso dalla Regione Campania presieduta dal Presidente Vincenzo De Luca (il 20 aprile 2020) che ha rinnovato l'autorizzazione integrata Ambientale AIA  alle Fonderie Pisano per altri 12 anni.

Lo scrive Lorenzo Forte presidente del Comitato Salute e Vita: "Per impugnare dinanzi al Tar tale inopportuno e scorretto decreto, abbiamo bisogno di raccogliere fondi necessari per coprire le spese delle imposte di bollo previste dalla  legge che si aggira dalle 650/880 euro - spiega -  Nella Valle dell'Irno da decenni  ormai la puzza di morte condiziona la nostra vita. L'associazione Salute e Vita, da anni dalla parte dei cittadini, ha avviato una raccolta fondi per autofinanziare le proprie battaglie". I soldi raccolti, dunque, serviranno "a portare avanti i diritti di tutte quelle persone dimenticate dalle Istituzioni e lasciate alla mercé di un impianto inquinante". L'avvocato dell'associazione Franco Massimo Lanocita ha  da sempre rinunciato alla Parcella, ma la nuova battaglia legale genera tante e diverse spese, come quelle previste dall'imposta di bollo che è di 650 euro più 200 circa per noftiicare il ricorso alle parti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appello del Comitato

Solo con il vostro aiuto potremmo contrastare e spero presto porre  fine a questa situazione che ormai sa di farsa.  Con la promessa che ci fermeremo solo quando questo dannato e vetusto impianto non sarà definitivamente chiuso.  La verità è sotto gli occhi di tutti: a Fratte, Matierno, Cappelle , Capezzano, Cologna eccetera , Salerno e nella Valle dell'Irno  siamo in guerra. Una guerra dove si fanno vittime che non fanno rumore e che hanno la sola colpa di vivere in un territorio la Valle dell'Irno dove l'Artico 32 della Costituzione il diritto alla Salute non viene applicato. E' possibile inviare il proprio contributo sul conto dell'ASSOCIAZIONE  SALUTE E VITA  IBAN: IT18I0503415202000000001148  - CAUSALE contributo per ricorso al TAR  OPPURE CONTATTARCI AL NUMERO 3283347836 e all'indirizzo email: comitatoassociazionesalutevita@gmail.com 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Grande attesa a Fisciano, apre il Parco Commerciale "Le Cinque Porte"

  • Il postino di "C'è Posta per Te" fa tappa a Padula: mistero sul destinatario della lettera

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento