Fonderie Pisano, 120 famiglie presentano ricorso "ad apponendum" contro la proprietà

Domani mattina è previsto anche un sit in dinanzi alla sede del Tar Salerno. Forte: "Il Tribunale tutelerà il diritto costituzionale alla salute?"

Centoventi famiglie della Valle dell’Irno presenteranno domani, presso la sede del Tar Salerno, tramite l'avvocato Franco Massimo Lanocita, un ricorso ad opponendum contro il ricorso della proprietaria delle Fonderie Pisano al decreto di sospensione dell’attività emesso dalla Regione Campania. Si sono costituiti già in giudizio il comitato e associazione “Salute e Vita” e il Comune di Pellezzano.   

La protesta

Sempre domani mattina, alle 9, si terrà anche un presidio dinanzi agli uffici giudiziari. “L’Arpac - dichiara il presidente del comitato Lorenzo Forte - ancora una volta certifica la mancata applicazione delle norme a tutela della salute e dell’ambiente, la Regione sospende le attività delle fonderie. Ma i Pisano non conoscono quali siano le tecnologie da applicare e ricorrono al Tar. Peccato che tali tecnologie siano indicate annualmente, con pubblicazione ufficiale sul sito della Comunità Europea, proprio per mantenere alte le tecnologie da applicare alle attività fortemente inquinanti e dannose per la salute come le attività insalubri di produzione e fusione di metalli”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi ricorda che l’Arpac, il 3 ottobre scorso, ha certificato che “la gestione difforme dei rifiuti non garantisce la salubrità dell’ambiente, quindi dei cittadini e dei lavoratori, dalla produzione di potenziali produzione di diossina. Si ribadisce parzialmente applicata. La insufficiente captazione dell’aria esausta negli ambienti di lavoro sfugge al trattamento della stessa prima della immissione all’esterno dei capannoni con probabile effetto negativo sulla salute della popolazione vicina. Si ribadisce parzialmente applicata”. Di qui la domanda provocatoria: “Il Tar tutelerà il diritto costituzionale alla salute?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: tra ieri e oggi 24 nuovi casi nel salernitano, contagio a Campagna

  • Covid-19: schizzano i contagi nel salernitano, i dati sui ricoveri

  • Covid-19: altri 6 positivi a Pontecagnano, altri 2 contagi a Cava

  • Blitz antidroga a Scafati: 23 persone in carcere, 13 ai domiciliari

  • Covid-19, cinque casi nel comune di Serre. Il sindaco: "Uscite solo se necessario"

  • Aggressione nel porto commerciale di Salerno: botte alla professoressa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento