menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto La7

Foto La7

Inquinamento a Salerno: le Fonderie Pisano finiscono su La7: il servizio

La trasmissione televisiva condotta da Tiziana Panella si è interessata del caso che sta coinvolgendo la storica azienda salernitana che è stata costretta a sospendere l' attività per almeno due mesi

Le Fonderie Pisano finiscono alla ribalta nazionale e precisamente nel programma Tagadà in onda su La7. Ieri pomeriggio, infatti, la trasmissione televisiva condotta da Tiziana Panella si è interessata del caso che sta coinvolgendo la storica azienda salernitana che, dopo un provvedimento ad hoc emesso di recente dalla Regione Campania, è stata costretta a sospendere ogni attività per almeno due mesi. 
Nel servizio viene intervistata la signora Anna che vive a 500 metri in linea d’aria dalle Fonderie Pisano. Dieci anni fa la donna ha perso una figlia di 19 anni che si è ammalata di leucemia e quattro anni fa le è morto il marito per un tumore al cervello. Lei è soltanto una delle persone che si ritiene vittima dell’inquinamento dello stabilimento. E ora un rapporto dell’Arpac ha dichiarato che le Fonderie procurano “situazioni connotate di immediato pericolo e danno per l’ambiente e la salute pubblica”. Tale rilevazione ha scaturito la sospensione delle attività

A chiedere a gran voce la delocalizzazione dell’azienda di via Dei Greci è ancora una volta il Comitato Salute e Vita: “Siamo stanchi di subire questo ricatto o il lavoro o la salute. Noi – spiega il portavoce Lorenzo Forte – vogliamo che questi due diritti costituzionali vadano di pari passo garantiti”. Nel corso del programma viene intervisto anche il direttore generale delle Fondere Ciro Pisano: “Cerchiamo di rimanere nei limiti delle nostre emissioni. Certo – ha ammesso - non siamo una pineta ma un’attività produttiva dove lavorano 150 dipendenti”. Nelle aree attorno allo stabilimento – ha ribadito il servizio televisivo - sono aumentati di tumore ma, ad oggi, nessuno ha dimostrato il rapporto di causa effetto tra la diffusione delle malattie e l’attività dell’impianto. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento