Fonderie Pisano, via libera del Tar alla delocalizzazione a Buccino

I giudici amministrativi hanno bocciato la variante al Puc approvata dal consiglio comunale per impedire la delocalizzazione del sito salernitano

Il Tar di Salerno boccia la variante al Puc approvata dal consiglio comunale di Buccino per impedire la delocalizzazione delle Fonderie Pisano.

Le motivazioni

Secondo i giudici amministrativi il “Comune s’è sostituito all’Autorità Regionale istituendo un distretto industriale alimentare, di dimensione comunale (sul territorio solo del Comune di Buccino”. Rappresentare un territorio a vocazione agricola, dunque, non vuol dire poter avere un distretto “non esistendo rete di imprese agricole e agroalimentari, tra loro correlate sul piano produttivo”. Il cambio di destinazione d’uso, avvenuto dopo il bando dell’Asi per l’assegnazione dei lotti, “pregiudicò le legittime aspettative di coloro i quali avevano confidato nella precedente disciplina urbanistica di zona, partecipando al bando, indetto dal Consorzio Asi di Salerno”. Ossia, proprio le Fonderie Pisano. E, dunque, ritenuta illegittima “la decisione d’istituire un distretto agro-alimentare in una zona, già vocata ad una destinazione industriale (generica)”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

Torna su
SalernoToday è in caricamento