Cronaca

Fondi Ue, De Luca chiede i danni alla Regione. Ma il Tar rinvia la discussione

Il presidente del Consorzio Asmez Francesco Pinto: "Ci teniamo a sottolineare come la decisione odierna del Tar tolga alla Regione l’alibi De Luca"

Il Comune di Salerno ha ritirato la richiesta di sospensiva, presentata al Tar, per il blocco del programma della Regione Campania per l’assegnazione dei fondi europei ai comuni inferiori ai 50 mila abitati. Ma ha confermato la propria contrarietà al provvedimento chiedendo i danni a Palazzo Santa Lucia. Nell'udienza di questa mattina il Tribunale Amministrativo Regionale ha rinviato la seduta a data da destinarsi ma, nel frattempo, sono stati evidenziati ulteriori elementi della querelle giudiziaria. Su tutti la richiesta di risarcimento dei danni, avanzata dal Comune di Salerno, derivanti dall’aver impiegato tempo e denaro per sviluppare progetti non finanziati.

Nel procedimento si è costituito anche il Consorzio Asmez, schierato contro il Comune di Salerno: "Apprendiamo le notizie odierne con grande sollievo e siamo certi che avremo soddisfazione anche nella seconda udienza di merito - dichiara Francesco Pinto, presidente del Consorzio Asmez - e ci teniamo a sottolineare come la decisione odierna del Tar tolga alla Regione l’alibi De Luca".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi Ue, De Luca chiede i danni alla Regione. Ma il Tar rinvia la discussione

SalernoToday è in caricamento