menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A rischio ricoveri e riabilitazioni, Forza Italia: "Salerno ha perso 20 milioni per colpa di De Luca"

Intanto la federazione regionale dell’Aiop, l’associazione italiana ospedalità privata, è pronta allo sciopero se non ci sarà un confronto tra le parti entro la fine di settembre

Nuovi problemi per la sanità campana. Entro la fine dell’anno – rivela La Città - i ricoveri e le prestazioni nei centri di riabilitazione privati (in regime di accreditamento pubblico) potrebbero essere messi a rischio dal raggiungimento dei tetti di spesa per le prestazioni sanitarie. Una situazione davvero allarmante che provoca l’ira della federazione regionale dell’Aiop, l’associazione italiana ospedalità privata, che dopo l’assemblea generale della scorsa settimana è pronta allo sciopero se non ci sarà un confronto tra le parti entro la fine di settembre. Sulla questione interviene il titolare del Campolongo Hospital di Eboli e membro del consiglio regionale dell’associazione di categoria Gianfranco Camisa: “Abbiamo inviato un documento al presidente De Luca e al Polimeni mettendo nero su bianco le criticità del settore privato accreditato. Se entro la fine del mese non avremo risposte, siamo pronti alla mobilitazione e non escludiamo che ci possa essere anche uno sciopero perché - lamenta - non è possibile che siamo arrivati a due terzi dell’anno e non è stato ancora firmato il contratto, continuando così a subire scelte sbagliate che ci vengono imposte e vanno contro la popolazione”

Intanto Forza Italia Salerno torna a prendere di mira l’amministrazione regionale guidata da Vincenzo De Luca, accusata di non aver migliorato, come promesso, i servizi nel comparto sanitario. E di aver perso fondi. “La cattiva amministrazione e l'approssimazione della gestione De Luca hanno fatto perdere circa 20 milioni di euro, in due anni, alla sanità in provincia di Salerno. Meno prestazioni dunque, meno investimenti e più ritardi” denunciano i due vice coordinatori provinciali degli azzurri Roberto Celano e Gaetano Amatruda. Poi affondano il colpo: “Con la propaganda non si governa un settore così delicato. Nella sanità sono evidenti i disastri della nuova gestione. Solo medici ed infermieri, che mettono in campo ogni giorno dedizione autentica, evitano il peggio. "Negli ultimi due anni la Campania ha perso, al netto degli automatismi, 91 milioni dalla distruzione del Fondo sanitario nazionale. Sono circa 20 i milioni sottratti a Salerno. Così non si incide sui tetti di spesa e sulla qualità delle prestazioni. De Luca - concludono - sta distruggendo il lavoro di risanamento avviato e consolidato da Caldoro. La sanità campana, dopo i disastri della sinistra, aveva tutte le condizioni per ripartire. Il Pd targato De Luca ci riporta indietro". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento