Cronaca

La Carnale, nuovo look: sarà polo creativo per dieta mediterranea

Se n'è parlato durante la riunione della terza commissione consiliare “Annona e Turismo” del Comune di Salerno, in seduta congiunta con la commissione trasparenza

Forte La Carnale

Forte La Carnale sarà il futuro polo della dieta mediterranea. Nuovo look e nuove prospettive sono stati affrontati stamattina, durante riunione della Terza Commissione consiliare “Annona e Turismo” del Comune di Salerno, presieduta da Massimiliano Natella, in seduta congiunta con la commissione trasparenza presieduta da Antonio Cammarota.

La giornata

"Abbiamo ripreso l’argomento affrontato qualche tempo fa relativo al Forte la Carnale, bene culturale di grosso valore per la città di Salerno, da tempo in disuso - spiega Natella - Alla seduta era presente per l’Ente Provinciale per il Turismo di Salerno, Ciro Adinolfi. E’ stato illustrato il programma di valorizzazione dell’area, la quale sarà al centro di un progetto di respiro internazionale per la valorizzazione della dieta mediterranea come patrimonio dell’UNESCO. Grazie ad un disegno di legge della Regione Campania sarà realizzato un “Polo Creativo per la dieta mediterranea”. Il progetto prevede la partecipazione dei sette stati membri di un modello nutrizionale che dal 2010 è stato incluso nella lista dei patrimoni culturali immateriali dell'umanità.

Le attività

La struttura e l’area circostante ospiteranno seguenti attività: Polo di vendita dei prodotti tipici della dieta mediterranea, area di degustazione,
biblioteca multimediale sulla dieta mediterranea,area eventi, valorizzazione della collina per la coltivazione delle spezie tipiche della dieta mediterranea. "Il progetto avrà dunque un respiro internazionale - ha concluso Natella -, consentirà alla città di Salerno di dotarsi di un attrattore turistico-culturale di eccellenza che varca i confini locali".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Carnale, nuovo look: sarà polo creativo per dieta mediterranea

SalernoToday è in caricamento